basket

Siena cade, Milano ritrova il sorriso
Per i play off si fa largo Sassari

di Daniele Giola
David Hawkins, Armani Jeans Milano (foto: totalsport.it)
David Hawkins, Armani Jeans Milano (foto: totalsport.it)

SASSARI. Dopo una striscia di 18 vittorie consecutive sui parquet italiani (15 in campionato e 3 nella Final eight di coppa Italia) cade la super corazzata Siena. La capolista perde a Caserta contro un Pepsi straordinaria che si impone 89-84 nonostante il tentativo di rimonta finale degli uomini di Pianigiani. A Siena non bastano i 18 punti di Kaukenas e i 16 di David Moss.

Oltre al colpaccio di Caserta la diciannovesima giornata è segnata da tre nette vittorie in trasferta (Cantù a Teramo, Sassari a Biella, Cremona a Montegranaro) e dal ritorno alla vittoria di Milano (all'over time con Brindisi nell'anticipo di mezzogiorno). Roma, invece, fatica tantissimo per piegare la resistenza di un Avellino decimato dagli infortuni, mentre Treviso, dopo l'annuncio shock di Benetton che dal 2012 non sarà più main sponsor della squadra, perde a Varese (74-68). Vittoria sul filo di lana per Bologna che batte con il minimo scarto (71-70) Pesaro.

Ma andiamo con ordine: Cantù dopo la sconfitta in finale di coppa Italia con Siena passa a Teramo 96-69 e si conferma seconda forza del campionato insieme a Milano. Il punteggio non inganni perché il vantaggio di 27 punti matura soltanto nell'ultimo quarto. Indiscusso protagonista è ancora una volta Mazzarino autore di 26 punti (devastante da tre con 8 su 11). Nel gruppo in lotta per i play off entra a pieno titolo anche Sassari che domina in lungo e in largo la trasferta di Biella (74-94) trascinata oltre che dal solito White (25 punti), anche da Diener (12 assist) e da un ottimo Plisnic (12 rimbalzi). Sorprende la prestazione di Cremona, andata a vincere nettamente a Montegranaro: finisce 89-67 per i lombardi di Mahoric, che scavano un solco forse decisivo sulle ultime due scomode posizioni. La vittoria di Bologna su Pesaro (protagonisti Koponen da una parte e Hackett dall'altra con 15 punti) è macchiata dalle proteste per uno scontro più che dubbio tra Andre Collins, ex bianconero ripudiato in estate, e Winston sull'azione decisiva. Roma invece suda sette camicie ma alla fine, come era logico aspettarsi, la spunta sui "resti" di Avellino privo di Dean, Spinelli, Johnson e Troutman. Il quintetto di Filipovski alla fine si impone 80-70 (Smith 22, Dasic 15).

Milano interrompe l'emorragia di sconfitte (tre di fila tra campionato e coppa Italia) vincendo in volata dopo un supplementare (76-74) a Brindisi (quarto ko consecutivo). Protagonista è il discusso Lynn Greer, autore nell'overtime di tutti gli 8 punti segnati dall'Olimpia (19 in totale con 3 assist e 3 recuperi).

Risultati:
Cimberio Varese-Benetton Treviso 74-68
Enel Brindisi-Armani Jeans Milano 74-76
Pepsi Caserta-Montepaschi Siena 89-84
Banca Tercas Teramo-Bennet Cantu' 69-96
Lottomatica Roma-Air Avellino 80-70
Canadian Solar Bologna-Scavolini Siviglia Pesaro 71-70
Fabi Shoes Montegr.-Vanoli-Braga Cr. 67-89
Angelico Biella-Dinamo Sassari 74-94

Classifica: Siena 34, Cantù e Milano 28, Avellino e Bologna 20, Roma, Caserta, Montegranaro, Sassari e Pesaro 18, Treviso, Cremona, Varese e Biella 16, Brindisi e Teramo 10.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • David Hawkins, Armani Jeans Milano (foto: totalsport.it)