Giornata mondiale contro la desertificazione

Il 17 giugno è la Giornata Mondiale contro la Desertificazione, istituita dall’Onu nel 1994. Quest’anno sarà celebrata con lo slogan "Proteggere la terra. Ripristinare i suoli. Coinvolgere le persone", al fine di sostenere  l'importanza della cooperazione inclusiva per ripristinare i terreni degradati e contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile globale. In tutto il mondo si terranno varie iniziative per promuovere la consapevolezza sull’interconnessione fra sicurezza alimentare, disponibilità di acqua, degrado del suolo, perdita di biodiversità, povertà, emigrazione e conflitti alla luce dei cambiamenti climatici. A Sassari la giornata verrà celebrata presso la sala “Sassu” del Conservatorio di Musica in piazza Cappuccini con inizio alle ore 16.30. L’organizzazione è a cura del festival “Pensieri e Parole:libri e film all’Asinara”, del Conservatorio “Canepa”, del Nucleo Ricerca Desertificazione dell’Università di Sassari e della Libreria Koinè.


Programma:

-  Intervista video a Pietro Laureano sulla lotta alla Desertificazione, programma Rai “Ulisse” regia di Fiorella Ravera

-  Presentazione del libro di Grammenos Mastrojeni "L'arca di Noè: per salvarci tutti insieme" (Chiarelettere)

-  Tavola rotonda "Desertificazione e media tra divulgazione e catastrofismo". Ne discutono Fiorella Ravera (RAI - Redazione Ulisse), Grammenos Mastrojeni (Consigliere d'Ambasciata, focal point italiano all'UNCCD), Pier Paolo Roggero (direttore NRD-UNISS)

-  Brani musicali a cura dell’Orchestra Giovanile del Conservatorio diretta da Emilia Zavala Lopez. Coro di voci bianche della Corale Canepa diretto da Salvatore Rizzu

Conduce Sante Maurizi, curatore del festival “Pensieri e Parole: libri e film all’Asinara”
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo