Veterinaria, interviene la Regione
Sessanta ettari per salvare la facoltà

L'obiettivo è arrivare al 2013 con tutte le strutture didattiche a pieno regime
di Michele Spanu | Twitter: @MicheleSpanu84
Nicola Rassu e Attilio Mastino illustrano i dettagli della cessione (foto: SassariNotizie.com)
Nicola Rassu e Attilio Mastino illustrano i dettagli della cessione (foto: SassariNotizie.com)

SASSARI. Da oggi il futuro della facoltà di Veterinaria è un po' meno incerto. La Giunta regionale su proposta dell'assessore Nicola Rassu, ha concesso in comodato d’uso gratuito (per trent’anni) una parte dei vasti terreni della Crucca per realizzare una nuova azienda zootecnica didattica. Un accordo necessario per salvare la facoltà dal rischio di chiusura: prima di questo accordo, non disponendo di alcune strutture indispensabili per assicurare un adeguato livello didattico, come ad esempio il mattatoio e l'azienda zootecnica, la facoltà sassarese non poteva ottenere l'accreditamento della European Association of Establishment of Veterìnary Education, una sorta di certificazione di qualità fondamentale per la sopravvivenza del corso. Questa mattina si è svolta la conferenza stampa di presentazione con tutti i dettagli sulla cessione, che è il primo passaggio di una serie di interventi "salva-facoltà". All'incontro con i giornalisti e con i docenti hanno partecipato l’assessore regionali degli Enti locali, finanze e urbanistica, Nicola Rassu, il rettore dell’Università di Sassari, Attilio Mastino, e il oreside della Facoltà di Veterinaria, Salvatore Naitana, che ha definito l'accordo "una boccata d'ossigeno".

La facoltà di Sassari è l'unico polo veterinario universitario dell’isola. Opera a livello da oltre ottant’anni durante i quali ha sempre assicuato lo studio e un futuro a migliaia di giovani sardi che hanno voluto fare della veterinaria la loro professione. «Gli oltre 60 ettari che grazie all’intervento dell’Esecutivo potranno ora essere a disposizione della facoltà, offriranno di certo nuove opportunità per garantire ai professionisti del futuro una formazione sempre più qualificata e uniformata agli standard richiesti dall’Unione Europea», ha detto Rassu. Mastino, da parte sua, ha ringraziato la Regione per la velocità con cui è arrivato il provvedimento. Ma tra i docenti che oggi, nell'aula consigliare della facoltà, hanno assistito all'incontro convocato per illustrare i dettagli della cessione, si sentiva comunque un'aria di perplessità sul futuro di Veterinaria. C'è infatti la consapevolezza che il passaggio di oggi è solo una parte di una guerra molto più lunga. Per vincerla bisogna arrivare alla scadenza del 2013 con tutte le strutture scientifiche, didattiche e di ricovero adeguate ai parametri richiesti dall'Unione Europea.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Nicola Rassu e Attilio Mastino illustrano i dettagli della cessione (foto: SassariNotizie.com)