Aggressione verbale ad una consigliera. Riformatori condannano il sindaco di Quartu

L'attacco sferrato dal Sindaco Delunas, durante la seduta di confronto,   del Consiglio Comunale del 4 e 5 ottobre,  contro la Capogruppo dei Riformatori Sardi Marcella Marini, ha superato di gran lunga i limiti di un corretto rapporto politico tra maggioranza e opposizione, per diventare un' inaccettabile aggressione personale contro un consigliere donna. Ma il sindaco è recidivo in questi atteggiamenti prevaricatori, che in uno offendono il ruolo dell'opposizione e tutte le rappresentanti femminili presenti in Consiglio, nel vano tentativo di sminuire la loro figura con il tipico atteggiamento di chi tenta di nascondere la propria debolezza umana e il suo fallimento politico con la prepotenza e l'intimidazione.

È evidente che Delunas è insofferente al  confronto democratico al quale non ama sottoporsi. Il vergognoso e irresponsabile immobilismo dell'amministrazione comunale, che da 16 mesi mal governa Quartu e che i Riformatori Sardi hanno inteso denunciare nell'aula del Consiglio Comunale, sono state censurate dal Sindaco. Problemi reali della città come Asilo nido, campi sportivi, parchi, casa del pensionato, biblioteca ecc. Problemi tutti finora irrisolti che incidono sulla pelle viva dei quartesi. Su questi temi irrisolti, contro la nostra Capogruppo si è scatenata l'aggressione del Sindaco, che si riprometteva di "farla piangere in Consiglio Comunale" e  "che qualsiasi altra iniziativa fosse stata portata, all'attenzione del consiglio, dalla medesima, non sarebbe andata a buon fine, a priori", oltre, ad averla accusata di aver raggirato, con i suoi comportamenti, dipendenti e componenti del consiglio comunale,  con ciò dimostrando tutta la sua ignoranza politica.  

Perciò i Riformatori Sardi vogliono comunicare, al Sindaco Delunas, che la consigliera Marcella Marini,  continuerà a svolgere dai banchi dell'opposizione, il ruolo che i cittadini e il suo partito le hanno assegnato, esercitando costantemente il compito di vigilare sul Suo operato, nell'interesse della collettività quartese, con tutta l'energia che riterrà opportuna, contro la Sua sterile aggressività e contro ogni Sua intimidazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo