Turismo, presentato oggi a Olbia l'e-book gratuito di Grazia Deledda

La cultura e la letteratura come forma di promozione turistica di alto valore dell’Isola. Questo il tema di ‘Destinazione Sardegna’, conferenza tenuta oggi all’aeroporto di Olbia organizzata dall’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio in collaborazione con Geasar, la società di gestione dello scalo. Durante l’incontro è stata presentata l’iniziativa della Regione che offre la possibilità di scaricare gratuitamente l’e-book di Grazia Deledda, ‘Dopo il divorzio’, dal sito https://nobeldeledda.wordpress.com/
“L’obiettivo che ci siamo posti quasi tre anni fa e che abbiamo portato avanti con molta convinzione, era dare forma a una nuova idea di Sardegna, basata sulla sua straordinaria qualità della vita, e conseguentemente riposizionare il prodotto turistico regionale sui mercati nazionali e internazionali, un orizzonte nuovo che ha comportato una diversificazione dell’offerta grazie a tematismi che completano il prodotto marino-balneare e sono profondamente calati nell’identità culturale isolana”, ha detto l’assessore Francesco Morandi. “Perciò l’appuntamento di oggi è un importante passo avanti nell’ottica di questa nuova visione strategica – ha continuato Morandi – La sfida è ambiziosa, abbiamo cambiato il linguaggio e l’immagine nell’ottica di un concetto, ossia che l’esperienza di vacanza in Sardegna, attraverso il contatto autentico ed emozionale con le comunità dei vari territori, diventi per i nostri visitatori un'esperienza di vita da raccontare e da ripetere”. Da oggi i viaggiatori che sbarcheranno al ‘Costa Smeralda’ saranno informati attraverso una campagna di comunicazione della possibilità di acquisire gratis il romanzo del premio Nobel nuorese. L’iniziativa nata da un’idea del designer della comunicazione visiva Attilio Baghino è a costo zero. Tutti i riferimenti alle località all’interno del libro sono georeferenziati. Ogni volta che viene citato un luogo della Sardegna il testo è seguito da due link, uno rimanda a Google Maps e l’altro a una scheda in italiano o in inglese che descrive il luogo. Il doppio sistema fa sì che anche chi legge l’e-book con un dispositivo che non dispone di connessione Internet, possa comunque avere notizie sul territorio. Si potrà così scoprire che il paese fittizio di ‘Orlei’ citato dalla Deledda sia in realtà Lula e il ‘Monte Bellu’ sia il Monte Albo. Alla tavola rotonda, coordinata dal responsabile Business Unit Geasar Lucio Murru, hanno partecipato gli operatori culturali Gianluigi Tiddia, Corrado Conca, Riccardo Staglianò e Giannella Demuro.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo