Porto Torres, defibrillatori nelle palestre delle società sportive

L'Amministrazione comunale ha acquistato sei defibrillatori semiautomatici esterni che potranno essere utilizzati dagli atleti che si allenano nelle palestre scolastiche e nel Palasport Alberto Mura. «I bambini e gli adulti che praticano sport con le società che sottoscriveranno la convenzione per l'utilizzo dell'apparecchiatura – afferma il sindaco Sean Wheeler – potranno contare sulla presenza di un valido strumento salvavita. È l'inizio di un progetto molto importante per la salute di tanti cittadini di Porto Torres. Lavoreremo per reperire ulteriori risorse, con l'obiettivo di ampliare  sempre più nel tempo la dotazione dei defibrillatori comunali».

I defibrillatori acquistati sono di ultima generazione e dotati di commutatore pediatrico, in grado cioè di adattare la funzionalità dello strumento in caso di eventuali usi sui bambini. «L'Ufficio Sport sta provvedendo alla consegna dei defibrillatori nelle sei strutture individuate dall'amministrazione comunale, nelle quali si allenano ogni giorno centinaia di bambini e atleti di tutte le età», afferma l'Assessora allo Sport, Antonella Palmas. Le apparecchiature saranno custodite nelle palestre delle scuole Bellieni, Borgona, Brunelleschi, media e elementare di Monte Angellu. Un ulteriore defibrillatore sarà messo a disposizione delle società sportive che si allenano al Palasport Alberto Mura. «Le associazioni dovranno sottoscrivere le convenzioni – aggiunge l'Assessora – indicando la persona abilitata all'utilizzo in caso di necessità. Partiamo con sei defibrillatori, una dotazione che ci consentirà di dare un supporto alle società sportive che hanno tanti atleti, con l'impegno di incrementare nel tempo il numero degli apparecchi anche in altri stabili in cui si effettuano le attività. Stiamo cominciando a costruire la rete di defibrilatori – conclude Antonella Palmas – affinché si sviluppi un programma per la salute e per la sicurezza nello sport, in una città che punta a diventare “cardioprotetta”».

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo