Latte Dolce calcio. Fresu "La salvezza è a un passo"

Il Latte Dolce calcio torna a giocare: dopo il turno di riposo nell'infrasettimanale e la sosta pasquale i biancocelesti di mister Massimiliano Paba si preparano alla trasferta di Monterosi, terzultimo appuntamento della stagione per Garau e compagni che, ad un solo punto dalla matematica – ma potrebbero bastare anche solo gli incastri di risultati .delle altre – vedono vicino il traguardo della storica conferma della categoria, della salvezza in serie D. Un avversario attrezzato, forte e con la promozione nel mirino: un ostacolo tosto da superare ma da affrontare con il piglio di chi è ad un solo passo dall'impresa.

Il presidente del Latte Dolce Roberto Fresu: «Chiaro che i ragazzi andranno a Monterosi determinati ad affrontare la gara come già fatto in occasione della gara giocata e vinta contro il Trestina. Scenderemo in campo per fare la nostra partita, per provare a fare bene e prendere almeno un punto. Vero è che loro sono lanciatissimi nella corsa alla vittoria del campionato o di un posto al sole nella griglia playoff, ed è anche vero che la settimana prossima resteranno seduti sul divano a guardare con in tasca i tre punti del match con Foligno. Quel che è certo è che non troveremo un Monterosi tranquillo e sereno disposto a scansarsi, tutt'altro. Noi abbiamo qualche problema di assenze fra infortuni e squalifiche, però si va lì a fare la nostra partita, frase fatta ma sempre valida, e poi si vedrà. Più che altro orecchio alle radioline e occhio agli sms per capire cosa faranno quelle alle spalle: la salvezza vogliamo centrarla e cementarla noi con le nostre prestazioni, ma potrebbe dipendere anche dai risultati sugli altri campi: anche perdendo potremmo essere salvi matematicamente, ma non dobbiamo affidarci a questo calcolo, dobbiamo giocare. Dovremo fare i conti solo con noi stessi, la conferma della serie D è a un passo, ma è giusto che la mentalità messa in campo sia la stessa  portata avanti sino adesso. Veniamo dalla storica vittoria del campionato di Eccellenza, meritata e sofferta.

Quest'anno ci siamo confrontati con un mondo diverso, complicato, abbiamo avuto dei problemi di infortuni, trovato avversari spigolosi: nessuno mai ci ha regalato un punto, qualcuno lo abbiamo lasciato noi per strada. Sudando e soffrendo per ogni risultato regalato alla nostra classifica. Rimaniamo fiduciosi , per il futuro e per la difficile sfida al Monterosi. Non ci sono gare e risultati scontate scontati, l'insidia è dietro l'angolo ed è meglio non fidarsi. Se strapperemo un pareggio sarà tanto di guadagnato, di più ancora qualora dovesse arrivare una vittoria. A Rieti abbiamo vinto d'altra parte, non è impossibile ripetere l'impresa: nulla è scontato in questa stagione. Il 30 aprile poi giocheremo l'ultima partita in casa di questa stagione, contro il Rieti, e chiederò ai ragazzi di disputare una grande partita davanti al loro pubblico lasciando un buon ricordo di questa che ci auguriamo tutti possa essere una storica annata da incorniciare. Giochiamo a Monterosi, al 90' guardiamo la classifica sperando di aver aggiunto almeno un punto che possa permetterci di scatenare la gioia per l'impresa compiuta».



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo