Sassari, nigeriano semina il panico al Corso Vittorio Emanuele

di SSN
Nella tarda serata di venerdì gli agenti che prestano servizio sulla stazione mobile di piazza Castello sono stati allertati da numerose persone, allarmate, per la presenza di un extracomunitario che in corso Vittorio Emanuele, nei pressi di Porta Sant'Antonio, stava provocando il panico tra la gente.

Gli agenti, prontamente intervenuti, hanno immediatamente individuato l'uomo, un nigeriano di 29 anni, a cui sono ascritti numerosi precedenti di polizia giudiziaria mentre, in evidente stato di alterazione psichica, minacciava i passanti.

L'uomo, teneva tra le mani due bottiglie di birra. Invitato a desistere da questo atteggiamento l'extracomunitario spaccava una bottiglia lanciandola verso gli agenti. Al tempo stesso si avvicinava minaccioso agli agenti tenendo stretta tra le mani la seconda bottiglia. Questi senza esitare, gli hanno sottratto la bottiglia e quindi lo hanno immobilizzato.

Contestualmente, convergeva in corso Vittorio Emanuele una seconda pattuglia; l'uomo veniva fatto salire a bordo dell'auto per essere accompagnato al Comando per le procedure di identificazione e la definizione degli atti di competenza dell'Autorità Giudiziaria.

Durante l'accompagnamento coattivo e le procedure di foto-segnalamento l'uomo perpetrava condotte violente, rivolte anche verso se stesso, tanto da rendersi necessario il trasporto presso il locale pronto soccorso. È risultato che il nigeriano era detenuto nel carcere di Bancali e che era stato scarcerato poche ore prima. L'uomo è stato denunciato a piede libero per resistenza e minacce; gli è stata, inoltre, contestata, la manifesta ubriachezza.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo