Nuova firma in casa Sassari calcio Latte Dolce. Gianmarco Marcangeli è biancoceleste

Sassari calcio Latte Dolce sempre attivo sul mercato. Ultimo arrivo in casa biancoceleste è Gianmarco Marcangeli, nato a Ghilarza il 7 luglio del 1998, giovane esterno offensivo che arriva a titolo definitivo in via Cilea grazie al blitz compiuto nel weekend dal direttore generale Adriano Fantoni, supervisore del mercato societario, demiurgo assieme al diesse Andrea Colombino, in pieno accordo con mister Massimiliano Paba e la dirigenza del team, del progetto calcistico Sassari calcio Latte Dolce 2017-'18. Il ragazzo ha firmato il contratto alla presenza del vice presidente Gianni Sanna e del DS Colombino. Cresciuto nel Ghilarza, club con cui gioca sino a 15 anni, dall'estate 2014 entra a far parte del Settore Giovanile della Torres, disputa il campionato Allievi Nazionali e, dalla stagione successiva è aggregato alla prima squadra con cui fa il suo esordio in Coppa Italia di Lega Pro. In seguito alla retrocessione  disputa i due successivi campionati in serie D e oggi è a tutti gli effetti un giocatore bincoceleste. A Gianmarco Marcangeli va il saluto della società, dello staff e dell'intera tifoseria del Sassari calcio Latte Dolce. Buon lavoro!

Hai scelto Il Sassari Latte Dolce, cosa ti ha convinto? «Indubbiamente hanno influito sulla mia scelta la serietà della società e la qualità del progetto che sta portando avanti».

Cosa ti aspetti dall'esperienza biancoceleste? «Sono fiducioso e convinto di poter fare bene, cercando naturalmente di crescere, di migliorare come calciatore. Spero di poter ricambiare al meglio la fiducia che la società ha riposto su di me».

Quanto è importante per te giocare in una società che scommette sui giovani? «Il fatto che il Sassari calcio Latte Dolce ha sempre puntato sui giovani è aspetto che per me ha una fondamentale importanza e deve essere ulteriore fonte di stimolo per impegnarmi a fare il meglio possibile».

Conosci qualcuno dei tuoi nuovi compagni? «Ho avuto modo di conoscere e apprezzare diversi dei ragazzi che ritroverò in squadra con me quest'anno, in particolare Giacomo Demartis, con cui ho giocato un campionato: un punto di riferimento per me, giocatore dal quale ho tutto da imparare, lavorando sempre con umiltà e impegno».

Il prossimo campionato? «Come ogni anno sarà senz'altro un campionato impegnativo. La sfida è stimolante e lavorerò con entusiasmo mettendomi a disposizione della società in modo da dare il mio contributo e farmi trovare pronto all'occorrenza».


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo