Sassari, nuoto e autismo alla piscina Canopoleno

Un progetto che nasce a Sassari nelle Piscine Canopoleno e coinvolge diverse professionalità e società del settore natatorio come la Sporter Sassari.

Un servizio di qualità e serietà professionale certificato dalla presenza di figure competenti e qualificate che si pone come obiettivo l’accoglimento delle persone affette da autismo per accompagnarle in un percorso terapeutico sportivo, finalizzato al miglioramento della qualità della vita.

Il Cubo Magico nasce a Sassari nella Piscina Canopoleno, dall’idea e dalla passione di due figure professionali con pluriennale esperienza nei settori di competenza, Stefano Masala, consulente di diverse strutture natatorie del nord Sardegna, allenatore di nuoto di livello nazionale, attuale Presidente della Sporter Sassari Nuoto è tra i primi istruttori federali a Sassari ad accogliere le diversità in Piscina, e la Dott.ssa Solidea Chessa, Laureata in tecnica della riabilitazione psichiatrica con esperienza e pratica presso diverse strutture locali e Nazionali, istruttrice di nuoto ed Esperta terapista nell’ambito dell’ Autismo è tra le prime in Sardegna ad applicare personalmente il nuovo metodo TMA della Terapia Multisistemica in Acqua.
 
Una Terapia Sportiva che si applica attraverso le figure professionali con competenze natatorie e formate di continuo sempre all’interno dell’associazione. Un organizzazione a 360° che prevede il supporto Psicologico e Pedagogico alle Famiglie e l’assistenza allo studio se necessaria anche presso il domicilio del richiedente. Il Cubo Magico è già operativo nelle Strutture Natatorie del Canopoleno a Sassari, ma il servizio si estenderà anche a Macomer, Perfugas ed Olbia. Il Nuoto inteso come momento ludico ma dalla valenza terapeutica. Questo reso possibile solo ed esclusivamente grazie al lavoro degli operatori qualificati (terapisti, pedagogisti con competenze acquatiche) che attraverso il nuoto, propongono attività ludiche e sportive, finalizzate al raggiungimento di obiettivi personalizzati e continuamente verificati. Le esperienze condotte in questi anni hanno dimostrato che l'attività acquatica con disabili non solo non ha incontrato controindicazioni, ma in alcuni casi si è rivelata terapeutica.

“Ci piace pensare che non sia una Terapia, ma un’occasione per sorridere!” Dicono gli ideatori, Stefano Masala e la Dott.essa Solidea Chessa che aggiunge: “Non è un mestiere questo per me, è una missione mascherata da gioco e infinta gioia; probabilmente approcciandomi alla diversità sono cresciuta io stessa,  son riuscita a migliorarmi, non meno di quanto io, nel  mio piccolo, sia riuscita a migliorare il prossimo! È un continuo scambio reciproco.”

Ma la domanda che ci si pone è: Cosa è la Terapia Multisitemica in Acqua?
La Terapia Multisistemica in Acqua (TMA) è una terapia che usa l’acqua come attivatore emozionale, sensoriale, motorio, capace di spingere il soggetto con disturbi della comunicazione, autismo (e non solo) ad una relazione significativa e permette di entrare in contatto con bambini che presentano difficoltà sociali, in un ambiente ludico, quale è quello delle strutture natatorie. Le tecniche natatorie e le capacità acquisite durante l’intervento, vengono utilizzate come veicolo per raggiungere obiettivi terapeutici e attuare successivamente anche il fondamentale processo di socializzazione e integrazione con il gruppo dei pari. A differenza di iniziative simili attuate presso altre strutture natatorie, anche locali, la TMA si applica attraverso la pianificazione di un intervento individualizzato fondato sul rapporto umano ed è finalizzata alla rieducazione ed alla modificazione degli schemi cognitivi, comportamentali, comunicativi, emotivi e di interazione sociale reciproca. L’intervento quindi agisce o può agire sull'attenuazione dei sintomi, modificando positivamente i processi deficitari.

Il percorso acquatico verrà coordinato dalla Terapista, Solidea Chessa, a seconda delle necessità si organizzeranno sedute in acqua che potranno essere individuali o di gruppo. Affiancati alla Dott.essa Solidea Chessa lavoreranno istruttori esperti e qualificati, formati con il metodo TMA.
Si attiverà su richiesta un Supporto Psicologico dedicato alle famiglie; un servizio extra acquatico da concordare con la Dott.essa Solidea Chessa in base alle necessità del bambino e della terapia che potrà comprendere lavoro sulle autonomie, supporto allo studio, Terapia Cognitivo Comportamentale e/o altro, in studio o presso domicilio dell’interessato.
Informazioni -  Piscina Canopoleno tel. 079298933
Sito internet: www.piscinacanopoleno.com
Facebook: ilcubomagicoss

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo