Dati Istat lavoro. Pigliaru "Conferme importanti"

“Oltre alla chiarezza dei dati, che man mano che andiamo avanti certificano un consolidamento dell’orientamento positivo, ci sono almeno due punti da mettere in evidenza: il riallineamento del tasso di disoccupazione al 2012, cioè prima della fase più acuta della crisi che abbiamo attraversato, e il posizionamento deciso della Sardegna ben al di sopra della media del Mezzogiorno.” È il commento del presidente della Regione Francesco Pigliaru sui dati ISTAT sul mercato del lavoro nel secondo trimestre del 2017. “Significa che stiamo facendo la nostra parte per portare la Sardegna fuori dalla congiuntura negativa, con l’impegno sulle politiche attive per il lavoro e utilizzando bene le opportunità fornite dalle politiche nazionali”, prosegue il presidente Pigliaru. “Da non dimenticare le azioni dirette portate avanti dalla Regione a partire dai mille cantieri di Iscol@, con i tremila posti di lavoro diffusi in tutta l’Isola. Oltre 40 cantieri sono arrivati grazie al nostro investimento sulla fibra, con la banda ultralarga per 314 Comuni. E se circa 300 cantieri sono stati aperti e vanno avanti grazie alla scelta di attivare il mutuo infrastrutture, moltissimi sono partiti grazie al bando a sportello con il quale abbiamo ‘salvato’ 70 milioni di fondi europei della programmazione 2007-2013 destinandoli ai Comuni per i loro interventi più urgenti. Va detto, in aggiunta, che le politiche del turismo hanno successo,  iniziando a mostrare effetti anche in un trimestre di spalla. Sta tornando l’occupazione e con l’occupazione torna la fiducia. Andiamo avanti in questa direzione - conclude Francesco Pigliaru –, perché i numeri ci confermano che è quella giusta.”



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo