Voci d’Europa, gran finale a Porto Torres

Voci d’Europa, il festival internazionale di musiche polifoniche nato dall’esperienza del Coro Polifonico Turritano, è pronto per il gran finale di questo fine settimana che si svolgerà interamente nella città natale Porto Torres. Questo pomeriggio, al Centro Commerciale  I Granai a Porto Torres, verrà messo in scena lo spettacolo "Aggiungi un posto a tavola" a cura delle quinte classi di Borgogna. La serata concertistica invece, che anticipa la chiusura del festival, si terrà a Mamoiada, con una corale d’eccezione: Ensemble UT, diretta dal maestro Lorenzo Donati. UT Insieme Vocale-Consonante, è un gruppo vocale “modulare” che va dall’ensemble madrigalistico al coro da camera. I suoi componenti, provenienti da varie parti d’Italia, hanno tutti una consolidata esperienza vocale e musicale, per la maggior parte direttori di coro, che hanno iniziato il loro cammino insieme nell’ambito del Coro Giovanile Italiano, un progetto di Feniarco (Federazione Nazionale Italiana Associazioni Corali Regionali). Hanno vinto numerosi premi in tutto il mondo e saranno ospiti di Voci d’Europa in un comune satellite davvero particolare e caratteristico come Mamoiada. Sabato Voci d’Europa non potrà non dedicare l’ultima serata alla sua città Porto Torres, e lo farà nella basilica di San Gavino. Protagonisti ancora loro, l’Ensemble Ut, che salutano il festival e gli appassionati, con un concerto a tema “L’altro Monteverdi”.

La giornata di domenica, che sancisce la chiusura definitiva del Festival, è volutamente dedicata a chi fa musica e a chi la vorrebbe farla da professionista. Il programma prevede in mattinata il Concerto finale della scuola superiore per Direttori di Coro di Arezzo, nella chiesa della Consolata a Porto Torres. Il pomeriggio invece alle 15 00 si terrà, nella basilica di San Gavino, il seminario Corale finale a cura del maestro Lorenzo Donati.  Dal 2010 al 2014, Lorenzo Donati è stato chiamato a dirigere il Coro Giovanile Italiano, e  le sue composizioni sono state eseguite da importanti ensemble e solisti in tutti il mondo e pubblicate da importanti case editrici italiane. Viene spesso invitato in giuria a numerosi concorsi internazionali e attualmente insegna direzione di coro presso il Conservatorio di Trento. Sarà un incontro aperto al pubblico, a musicisti, agli studenti e a tutti gli appassionati di musica polifonica. Un momento musicale importante per educare chi fa musica e per sperimentare nuovi approcci del canto corale. Le serate conclusive così come il seminario di domenica saranno presentati dalla conduttrice Pinuccia Sechi. La XXXIV edizione del festival si chiude quindi in grande stile, con due settimane di concerti e di eventi alle spalle, che hanno coinvolto cittadini, enti privati, associazioni, realtà istituzionali locali e regionali, nonché avvicinato tantissimi appassionati di musica polifonica.  L’ingresso ai concerti è gratuito  

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo