Sassari. Ats Sardegna contro la corruzione, attivata piattaforma per le segnalazioni anonime

L’Ats si schiera contro la corruzione e attiva, tra i primi enti pubblici in Italia, il Whistleblower, uno strumento che consente al dipendente pubblico di segnalare, in totale anonimato, eventuali fenomeni corruttivi di cui ha appreso all’interno della propria azienda.

Un percorso articolato intrapreso dall’Ats con l’adozione del Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza (nel giugno 2017) e volto a ridurre le condizioni che favoriscono fenomeni corruttivi nella Pa e intende incentivare processi di organizzazione trasparenti, diffondendo tra i lavoratori valori etici, giuridici ed economici di legalità. Questo percorso ha portato all’attivazione, nelle scorse settimane, di una piattaforma dedicata alla segnalazioni anonime, inserita all’interno del portale dell’Ats e facilmente accessibile da qualsiasi computer.

In attesa di poter utilizzare la piattaforma dell’ ANAC, l’Ats Sardegna ha aderito, insieme ad altre 9 Aziende Sanitarie in tutta Italia, al progetto pilota Healthcare Integrity Action, realizzato da Transparency International Italia.
La collaborazione consentirà all’Ats Sardegna di usufruire gratuitamente, fino a febbraio 2018, della collaborazione e delle competenze di Transparency International Italia e dei suoi partners, nella formazione, elaborazione e applicazione di strumenti in grado di individuare e prevenire la corruzione.

La piattaforma condivisa si avvale di un software (il Globaleaks) specificatamente progettato per proteggere l’identità del segnalatore (il whistleblower)  nello scambio delle informazioni, le quali verranno ricevute direttamente dal Responsabile per la Prevenzione della corruzione dell’ATS Sardegna. In questa maniera diventa impossibile rintracciare l’origine della segnalazione e viene così garantito l’anonimato del segnalatore che sarà così libero di segnalare, senza la paura di eventuali ripercussioni nell’ambito del lavoro o della vita privata. Alla fine della procedura di segnalazione viene rilasciato un codice unico che consente di monitorare il percorso ed, eventualmente, inviare nuovi documenti.

La Direzione Aziendale dell’ATS Sardegna con l’attivazione del Whistleblower intende  implementare le misure di prevenzione della corruzione previste dal Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza, così da ridurre le condizioni operative che favoriscono fenomeni corruttivi.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo