Pigliaru a Bonn interviene sul clima

 (foto: Antonella Pala)
(foto: Antonella Pala)
Il ruolo delle regioni e delle città nella lotta ai cambiamenti climatici è tra i punti chiave della Conferenza mondiale dell’ONU COP23. Coordinata dalle isole Fiji e in corso questi giorni a Bonn, la COP conta tra i relatori il presidente della Regione Francesco Pigliaru in rappresentanza del Comitato europeo delle Regioni.

Il presidente Pigliaru, cui si deve il documento di Parere che ha delineato proprio la strategia per l’attuazione dell’Accordo di Parigi da parte delle amministrazioni regionali e locali, è impegnato a Bonn nelle giornate di domenica 12 e lunedì 13 novembre. Oltre agli incontri istituzionali in cui affiancherà il presidente del Comitato Karl-Heinz Lambertz, per Francesco Pigliaru ci sono ampi spazi da relatore, sia come portavoce delle regioni e delle città dell’Unione europea che come presidente della Regione Sardegna, di cui presenterà le buone pratiche sul fronte della sostenibilità ambientale e dell’adattamento ai cambiamenti climatici: dagli investimenti sulla mobilità elettrica a quelli sugli “edifici intelligenti” collegati da reti smart per condividere l’energia autoprodotta, sino alla politica degli acquisti green per la pubblica amministrazione.

Da segnalare in agenda l’intervento alla sessione riservata al Patto globale dei Sindaci per il clima e l'energia, di cui il presidente Pigliaru è ambasciatore per conto del CdR. Si tratta di un tavolo particolarmente atteso perché la Conferenza di Bonn è la prima dopo l’annuncio, da parte di Donald Trump, dell’uscita degli USA dall’Accordo di Parigi. Insieme alla delegazione del governo di Washington sono infatti presenti a Bonn amministratori regionali e locali statunitensi che nonostante la posizione del governo centrale, hanno espresso la volontà di continuare a rispettare gli impegni presi nella lotta ai cambiamenti climatici.

Non a caso la Cop23 è una chiamata all’unità e alla rapidità d’azione non solo ai governi ma a tutti gli attori per proporre, favorire e rilanciare una nuova e più ambiziosa azione globale in cui tutti siano coinvolti e allineati per raggiungere i maggiori risultati nel minor tempo possibile.

Per Francesco Pigliaru, che sino a settembre di quest’anno ha guidato la Commissione ENVE (Ambiente, clima ed energia) del Comitato di Bruxelles e ora ne è relatore sul tema della lotta ai cambiamenti climatici, Bonn è la terza Conferenza delle Parti dopo Parigi e Marrakech.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Antonella Pala)