PROVATO PER VOI

Tirrenia allo sbando in attesa di novità
Viaggio tra l'incuria e la sporcizia

Cala la qualità quando manca la concorrenza
di Valentina Guido
 (foto: SassariNotizie.com)
(foto: SassariNotizie.com)

PORTO TORRES. Mentre la Tirrenia naviga in acque a dir poco incerte in attesa della privatizzazione, i passeggeri devono accontentarsi di un servizio a dir poco approssimativo, soprattutto per ciò che riguarda la pulizia dei traghetti. Cicche di sigaretta sui divani dei bar, cuscini rotti e macchiati, moquette ricoperta da un inquietante muschio fatto di polvere: non bisogna essere degli esperti per capire che su alcune navi della Tirrenia gli aspirapolvere vengono adoperati raramente. Le foto scattate da SassariNotizie pochissimi giorni fa durante la traversata Genova-Porto Torres possono testimoniare, meglio di tante parole, lo stato di abbandono del traghetto Janas, dove, su ammissione dello stesso equipaggio, non era presente nemmeno un ascensore funzionante per arrivare al 5° piano cabine (e non c'era un cartello che avvisasse del disservizio). Janas è stato lanciato tra il 2001 e il 2002 assieme al gemello Bithia con l'intento di imitare, negli allestimenti interni, l'eleganza della navi da crociera. Sono passati dieci anni e la sensazione è quella di essere tornati indietro ai tempi in cui vigeva il monopolio nelle rotte da e per la Sardegna. I concorrenti, Grandi Navi Veloci e Moby, in questo periodo dell'anno non assicurano collegamenti quotidiani tra Genova e Porto Torres, e dunque spesso non ci sono alternative alla compagnia napoletana, che opera in regime di continuità territoriale. Se si aggiunge il fatto che per il 2011 tutte le compagnie di navigazione hanno annunciato aumenti delle tariffe pari al 66 per cento, si capisce ancora meglio la preoccupazione di turisti e residenti. A questo proposito, sembra che la Regione Sardegna stia ripensando la continuità territoriale tramite l'affitto di traghetti greci attraverso la compagnia Saremar.

In gara la Cin. Intanto la partita per la privatizzazione della Tirrenia, gestita dal 2010 in amministrazione straordinaria, non si è ancora conclusa. All'asta partecipa la Compagnia italiana di navigazione (Cin), una cordata formata dagli armatori Gianluigi Aponte, Manuel Grimaldi e Vincenzo Onorato e guidata da Ettore Morace. Cin ha offerto 200 milioni di euro da pagare all'atto dell'aggiudicazione, e 180 milioni da versare in tre rate da circa 60 milioni ciascuna, che verranno liquidate una volta ottenuti i contributi pubblici pari a 72 milioni annui per otto anni.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: SassariNotizie.com)
  • Una passeggera trasporta a mano la valigia perché l'ascensore è rotto (foto: SassariNotizie.com)
  • Cuscino del divano al bar (foto: SassariNotizie.com)
  • Aria condizionata rotta in cabina (foto: SassariNotizie.com)
  • Un divano del bar (foto: SassariNotizie.com)
  • Pulizia sommaria in cabina (foto: SassariNotizie.com)
  • La moquette del bar principale (foto: SassariNotizie.com)
  • La moquette del salone principale (foto: SassariNotizie.com)
  • Muschio di polvere sulla moquette della cabina (foto: SassariNotizie.com)