M5S Sassari. Desirè Manca: "Natale triste per i senza tetto e per i sassaresi in difficoltà"

Riportiamo l'intervento stampa e la dura presa di posizione di Desirè Manca, portavoce del Movimento Cinque Stelle in Consiglio comunale, in riferimento alla chiusura del ricovero per i senza tetto di via Duca degli Abruzzi


"Il dormitorio di via Duca degli Abruzzi è chiuso e per i senza tetto sassaresi, per tutte quelle persone in grave difficoltà che non hanno un pasto caldo e un tetto sulla testa, il Natale si preannuncia triste, freddo e tragicamente sconsolato. Un fulmine a ciel sereno? Non proprio, e le Istituzioni non sono esenti da responsabilità. “Tre anni fa, con apposita interrogazione, il Movimento Cinque Stelle chiedeva a chi di dovere come mai non si riuscisse a far rimanere aperta tutto l’anno la struttura di via Duca degli Abruzzi, riconoscendo la funzionale utilità del servizio offerto e degli spazi Risposta del Comune di Sassari? Mancano i fondi necessari”.

Desirè Manca, portavoce in Consiglio comunale del Movimento Cinque Stelle, riporta l’attenzione su un problema reale, su una ferita aperta e viva nel sostrato sociale della città di Sassari. “Stiamo parlando di una struttura che offriva ai senzatetto la possibilità di dormire con un tetto sopra la testa e, la mattina dopo, di ristorarsi con una doccia calda. Il minimo che si possa immaginare per alleviare le sofferenze di chi ha necessità. Nel corso degli anni tantissime Associazioni di volontariato hanno garantito il servizio da dicembre a marzo, nei quattro mesi più freddi dell'anno. Anche in questo caso stiamo parlando del minimo, pur rendendo onore a chi si è impegnato per fare del bene agli altri. E poi? Cosa è successo? Peché oggi il ricovero chiude anche in inverno? Tristemente semplice: perché nel corso degli anni, le varie Associazioni impegnate, hanno denunciato al settore competente in materia del Comune di Sassari i gravi problemi, a livello sociale e logistico, riscontrati nell'offrire il servizio volontario. Problemi rimasti irrisolti”.


Problematiche legate alla gestione della struttura, di natura psicologica collegate agli ospiti e alla sicurezza da garantire agli stessi ospiti. Problematiche irrisolvibili con la sola buona volontà: serve un intervento esterno, diretto e risolutivo. E invece? “Arriviamo al 2017 e scopriamo che mentre si avvicina il Natale, mentre all’esterno le temperature notturne si avvicinano allo zero, le persone senza tetto al 19 dicembre e contrariamente a quanto accaduto negli ultimi anni non hanno più un posto caldo e al coperto per dormire. La struttura di via Duca degli Abruzzi è chiusa, tutte le Associazioni interpellate dal Comune si sono rifiutate, visti i problemi irrisolti, di gestire tale servizio. Di chi la colpa se non di una Amministrazione che, rimandando di anno in anno, ha evitato di risolvere le problematiche in oggetto? Una vergogna”.


“Come spesso accade si deve arrivare al vertice della tensione per capire che forse serviva intervenire prima. Il Comune di Sassari era a conoscenza della situazione ma solo ora, al 19 dicembre, si interroga su una possibile soluzione. Doveva farlo in estate, forse anche in primavera! E intanto, a pagare, sono sempre i più deboli - attacca senza fare sconti Desirè Manca -. Tutto questo è inumano, incivile e immorale: serve forse aspettare il verificarsi di casi di decesso per il freddo per risvegliare chi di dovere da un ingiustificato torpore? A Sassari sembra che le priorità siano altre, vedi il Capodanno ad esempio. Qualcuno ballerà in piazza l’ultimo dell’anno, mentre a poca distanza gli invisibili muoiono di freddo. Ripeto la domanda: quali sono le priorità? Aspetto risposte”.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo