Patente di guida, Sardegna la più lenta in Italia. A Sassari l'età media è 22 anni

Secondo l’analisi di Facile.it i sardi prendono la patente di guida, in media a 22 anni; dato che fa della regione quella in cui, in assoluto, ci si mette al volante più tardi.

In totale, secondo una rielaborazione fatta dal comparatore su dati ufficiali del ministero dei trasporti, i neopatentati sardi sono più di 13.000, ovvero l’1,38% degli automobilisti della regione titolari di patente B.

Facile.it ha anche analizzato il costo dell’RC auto per un neopatentato in 11 dei principali capoluoghi di provincia italiani evidenziando come a Cagliari un diciottenne che si assicura per la prima volta paghi 979 euro, ovvero il 31% in più di chi, con lo stesso profilo risiede a Milano, ma anche il 15% in meno di un diciottenne palermitano e addirittura il 49% in meno se si considera un neopatentato diciottenne residente a Napoli.

Guardando al sesso degli automobilisti, emerge che le donne sarde si mettono al volante per la prima volta a 22 anni e 7 mesi, oltre 1 anno più tardi rispetto agli uomini che conseguono la patente B, in media, a 21 anni e 4 mesi di età.

Dividendo i dati per province, quelle in cui si prende la patente più tardi sono Carbonia – Iglesias e Olbia - Tempio, quella in cui, di contro, si supera l’esame più giovani è l’Ogliastra.

Secondo questi dati nella provincia nella provincia di Sassari l'età media dei neopatentati è 22 anni e 2 mesi. Nella provincia di Cagliari 21 anni e 9 mesi. Nella provincia di Carbonia – Iglesias 22 anni e 7 mesi. Nella provincia del Medio Campidano 21 anni e 9 mesi. Nella provincia di Nuoro 21 anni e 11 mesi. In Ogliastra 20 anni e 9 mesi. Nella provincia di Olbia- Tempio 22 anni e 7 mesi. Nella provincia di Oristano 21 anni e 11 mesi.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo