Sassari. Accoglienza migranti, se ne parla in un convegno al CCS Borderline

Il sistema dell'accoglienza delle e dei migranti/rifugiati, con particolare riferimento alle strutture presenti sul nostro territorio, sarà al centro dell'incontro "Accoglienza in Sardegna: tra crisi, violazioni, contraddizioni e buone pratiche" previsto per Sabato 17 Marzo, dalle 17:30, al CCS Borderline in via Rockefeller 16/c a Sassari. L'appuntamento è organizzato dall'assemblea Sassari città aperta, una rete informale fra singole individualità ed associazioni impegnate a vario titolo nell'accoglienza/integrazione dei migranti ma, anche, un gruppo di pressione politica nato a Sassari dopo i fatti del Pime dello scorso ottobre, quando due bombe molotov sono state lanciate contro la struttura di accoglienza situata nel quartiere di Latte Dolce a Sassari. L'iniziativa sarà anche l'occasione per presentare il gruppo, le sue attività degli ultimi sei mesi e quelle in corso, a partire dalla campagna di informazione realizzata con manifesti tematici per smascherare i più diffusi e razzisti luoghi comuni sui migranti. L'incontro avrà inizio alle ore 17:30, ospite del CCS Borderline, in via Rockefeller 16/c con gli interventi dei portavoce di LasciateCIEntrare, campagna nazionale per una corretta accoglienza nei CARA e CAS e per l'immediata chiusura dei CIE, A.S.C.E., l'Associazione Sarda Contro l'Emarginazione che gestisce sette sportelli migranti in tutto il territorio sardo, Casa Moro, la casa famiglia realizzata da “Nuoro Migrantes” e un gruppo di cittadini/e di Ploaghe, che porteranno un raro esempio di accoglienza realizzato nel loro comune. Saranno inoltre presenti le e gli operatori del territorio, i volontari degli sportelli migranti e le associazioni che tutti i giorni si impegnano per una Sassari multiculturale, che crede e lotta per la libertà di movimento e per modalità di accoglienza più giuste ed eque. A conclusione di interventi, dibattito e proiezioni, ci sarà un momento artistico, offerto dal danzatore Salià e dal gruppo di musicisti che accompagna il suo corso di danza, e, in conclusione, l'aperitivo di autofinanziamento, per sostenere le attività dello sportello legale di Sassari città aperta, che verrà inaugurato proprio in quest'occasione.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo