Gli artificieri della Brigata "Sassari" bonificano due residuati bellici

Gli artificieri del 5° Reggimento Genio Guastatori della Brigata “Sassari” hanno concluso  le operazioni di bonifica e messa in sicurezza di una granata d’artiglieria da 76 mm a seguito della richiesta di intervento da parte della Prefettura di Cagliari. Il proietto d’artiglieria, risalente alla Seconda Guerra Mondiale, caricato con alto esplosivo ed ancora attivo, è stato ritrovato nei giorni scorsi ad Assemini, in località Sula Unaxi, a seguito di lavori di aratura di un terreno da parte di un contadino. Gli artificieri dell'Esercito hanno provveduto alla messa in sicurezza e bonifica dell'ordigno, conclusa ieri con il brillamento del residuato presso una cava di pietra.
L’intervento costituisce il secondo effettuato nell’arco di una settimana: i genieri del 5° Reggimento sono intervenuti anche ad Iglesias  per la bonifica di una granata d’artiglieria da 90 mm., caricata con alto esplosivo e ritrovato a seguito di lavori di disboscamento. Gli artificieri dell’Esercito, sono gli unici deputati ad operare su questa tipologia di ordigni e garantiscono tempestivi interventi di bonifica e messa in sicurezza.
Il ritrovamento di ordigni bellici nell’Isola è un evento tutt’altro che raro: infatti con la bonifica di oggi salgono a 9 gli interventi degli assetti specialistici della Brigata “Sassari” effettuati nel corso del 2018. Gli artificieri dell’Esercito, sono gli unici deputati ad operare su questa tipologia di ordigni, ed il 5° Reggimento Genio Guastatori della “Sassari” garantisce su tutta la Sardegna, professionalità e brevissimi tempi di risposta.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo