Sassari. Truffe ai danni di anziani, numerose le denunce ricevute dai Carabinieri

Nei giorni scorsi i Carabinieri di Sassari hanno raccolto alcune denunce per truffe ai danni di persone anziane. La dinamica è sempre la stessa: una persona distinta, di circa 30/40 anni, alta 1.75/1.80, di corporatura robusta, avvicina la vittima presentandosi quale amico di famiglia ovvero incaricato di qualche servizio e, accampando le scuse più varie (la risoluzione di un debito, l’anticipo per lavori di ristrutturazione, ecc.), riesce a carpire la fiducia della persona arrivando a farsi consegnare denaro in contanti o altri oggetti di valore, per poi dileguarsi nelle vie limitrofe.

Le indagini sono tuttora in corso ma l’episodio descritto è solo l’ultimo di una serie di truffe perpetrate in tutto il territorio nazionale. Dall’attività di monitoraggio del fenomeno è emerso che i malviventi operano da soli o in coppia, mettendo in atto, ai danni di persone anziane, condotte criminose come quella descritta oppure anche di altro genere. Ad esempio qualificandosi quali appartenenti alle Forze dell’Ordine, per lo più senza mostrare segni distintivi, adducendo esigenze connesse con controlli di polizia, al fine di  introdursi all’interno delle abitazioni degli anziani, per poi derubarli; presentandosi come dipendenti del Comune e/o di aziende che erogano servizi (luce, acqua, gas, rifiuti, ecc.); anche in questo caso la scusa di effettuare dei controlli è finalizzata ad asportare denaro e oggetti di valore; in altri casi, i malfattori si spacciano per avvocati e/o amici di famiglia e, fingendo di aver già preso accordi con un altro componente della famiglia per la consegna di denaro, riescono a circuire la vittima al fine di farsi consegnare somme in contanti o oggetti di valore; in alcuni casi, i malviventi propongono la sottoscrizione di abbonamenti a riviste non autorizzate riconducibili, tra l’altro, all'Arma dei Carabinieri, dietro corrispettivo di denaro.  
Nel caso in cui qualcuno dovesse trovarsi in presenza di una condotta simile a quelle descritte, fanno sapere i Carabinieri, è necessario chiamare immediatamente il numero d’emergenza 112 e rappresentare l’accaduto. I Carabinieri veri sono sempre riconoscibili in quanto indossano l’uniforme o, se in abiti civili, sono dotati di appositi distintivi e documenti di riconoscimento.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo