Sassari, ladro d'arte arrestato e opere recuperate dalla polizia

Nei giorni scorsi, personale della Squadra Mobile della Questura di Sassari ha portato a termine le indagini avviate nel mese di giugno del 2017, a seguito di un furto consumato e di uno tentato a danno degli eredi di un noto collezionista d’arte sassarese.

Gli autori del furto erano riusciti ad impossessarsi di 128 quadri, di diversi autori, per un valore commerciale complessivo stimato di alcune centinaia di migliaia di euro. Successivamente, i locali nei quali era ospitata la collezione d’arte sono stati nuovamente visitati dai ladri, questa volta messi in fuga dal fatto che un parente degli eredi, aveva dato l’allarme.

Le indagini immediatamente avviate dalla Squadra Mobile e coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica, Angelo Beccu, hanno subito una decisiva svolta grazie al minuzioso lavoro svolto dalla Polizia Scientifica a supporto delle unità investigative.
In occasione del secondo ingresso dei ladri, infatti, era stata isolata un’impronta digitale che gli specialisti in dattiloscopia hanno attribuito senza alcun dubbio ad un cinquantasettenne sassarese, pregiudicato.

Il seguito dell’attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile, al momento, non ha ancora portato al rinvenimento delle opere d’arte trafugate, per il cui rintraccio sono tuttora in corso le indagini. Tuttavia, presso l’abitazione dell’uomo sono stati rinvenuti altri quadri che gli investigatori hanno scoperto essere provento di un furto, risalente ad alcuni anni fa, in danno di un istituto religioso operante in città. La refurtiva recuperata consiste in 12 quadri, due dei quali raffiguranti soggetti sacri, e in alcune stampe dello stesso tema.

A conclusione delle indagini il 57enne è stato segnalato, alla competente Autorità Giudiziaria, davanti alla quale dovrà rispondere dei reati di furto e ricettazione.  

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo