Sedicesima edizione di Monumenti Aperti ad Alghero

Alghero si ritrova il prossimo fine settimana con Monumenti Aperti, la grande festa della cultura che raccoglie attorno al patrimonio della città tantissimi volontari insieme a Comune di Alghero,  Fondazione Alghero, Istituzioni, Associazioni. L’edizione 2018, la sedicesima per Alghero,  coordinata in Sardegna dall’associazione Imago Mundi Onlus, è stata presentata oggi al Quarter ( foto ) dall'Assessora alla Cultura Gabriella Esposito, con il presidente della Fondazione Alghero Raffaele Sari Bozzolo, con Elisa Milanesi, direttrice della Casa Circondariale di Alghero  e con  Paolo Secchi, responsabile dei beni culturali della Diocesi di Alghero - Bosa.

L’Unione Europea ha designato il 2018 Anno Europeo del Patrimonio Culturale. La campagna del 2018 di Monumenti Aperti prende spunto dall’indirizzo attribuito dall'Unione Europea, ovvero l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, con lo  slogan “Cultura, Patrimonio Comune".

Sedicesima edizione di Monumenti Aperti ad Alghero.  39 siti aperti, oltre 1500 volontari che aderiscono alla manifestazione. Istituti scolastici, Parco di Porte Conte, Università di Sassari, Fondazione G. Siotto, Area Marina Protetta Capo Caccia/Isola Piana, Aeronautica Militare, Casa Circondariale di Alghero, diverse associazioni culturali e di volontariato. Un grande evento culturale che unisce la città aprendosi ai visitatori che ogni anno partecipano sempre più numerosi alle visite guidate. “Un gesto di amore per la città da parte di tanti algheresi che si mettono a disposizione “adottando” un sito – così lo ha definito l’Assessora alla cultura Gabriella Esposito nella presentazione di stamani al Quarter – per trasformare in un grande appuntamento di festa le giornate culturali di Monumenti Aperti. Quest’anno abbiamo diverse nuove iniziative che impreziosiscono il programma, tra cui quella dedicata a Giuseppe Manno, nell’ambito delle celebrazioni dei 150 anni dalla sua morte. Un itinerario toccherà il monumento a lui dedicato, nei giardini pubblici, Casa Manno e il Liceo Classico e una mostra. Si preannuncia un’edizione molto ricca, grazie alle sinergie che si moltiplicano: scuole, imprese, associazioni, istituzioni, volontari”. Altra novità: l’imbarcazione Andrea Padre, grazie alla collaborazione con la Nautisub, proprietaria del peschereccio, offre l’opportunità di conoscere uno spaccato di storia algherese.  E ancora, il rinnovato impegno della Casa Circondariale di Alghero, che quest’anno, in collaborazione con il dipartimento di Architettura, offre un prologo al di fuori dell’istituto.  Diversi gli eventi collaterali in programma: il progetto TXT della compagnia Teatro d’Inverno,  con la notte bianca in teatro in programma il 12 maggio, la  mostra di paramenti e oggetti sacri sui Vescovi di Alghero presso l’Archivio Storico Diocesano, il  ciclo di mostre che occuperà le tre torri di Sulis, Porta Terra e San Giovanni dal titolo “Aspettando Aspa – Alghero Street Photography Awards con Salvatore Ligios, Luca Spano e Pierluigi Dessi, la mostra fotografica Ri-Giro 100+1 per ricordare la grande partenza del giro d’Italia, la mostra dedicata alla Dea Madre e al mito del matriarcato della fotografa Anna Marceddu.  Anche quest’anno c’è in prima linea l’Associazione Pensiero Felice con la Cultura senza barriere. I volontari saranno a disposizione per accompagnare le persone con disabilità per la visita ai monumenti accessibili nella giornata di sabato 12 dalle 10.00  alle 13.00  e dalle 17.00  alle 19.00. 



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo