MDP : "La Città di Sassari non può più aspettare"

Il Comitato Cittadino di MDP - Articolo Uno si è riunito Lunedì 7 Maggio, sotto la presidenza del coordinatore Andrea Lai per valutare la difficile situazione politica che si è determinata al Comune di Sassari nel corso del tempo, accentuata dalle ultime vicende relative al Consorzio Industriale Provinciale, che ha visto il Sindaco entrare ancora una volta in forte conflitto con il principale partito di maggioranza di cui egli stesso è espressione. Un lungo braccio di ferro che si protrae dall’inizio della legislatura. Questo avviene in un momento di crisi acuta della Città che aspetta invece risposte concrete nell’immediato e indicazioni chiare per la prospettiva. Si registra, tra le altre cose, un grave ritardo nell'attuazione degli impegni che nel 2014 erano stati promossi in campagna elettorale con un progetto politico e amministrativo che ha avuto un largo consenso elettorale e che ad oggi risulta in gran parte disatteso, con grande delusione di una larga parte dei Cittadini e, viste le recenti riunioni a Palazzo Ducale, delle stesse forze politiche presenti in Consiglio Comunale. Una condizione che rischia di accentuare la sfiducia dei cittadini nei confronti della Politica e delle istituzioni. Gli ultimi Consigli Comunali sono stati a dir poco irrispettosi per l'intera Città, pertanto MDP - Articolo Uno intende dissociarsi da tali discussioni. Serve dunque un'azione politica e programmatica forte e unitaria, convintamente condivisa e sostenuta da tutta la maggioranza, per cercare di ricomporre la frattura che si è aperta tra il Sindaco e una larga parte degli stessi Consiglieri. E’ urgente e necessario intraprendere una nuova fase e approfondire i temi che interessano la Città, a partire da quelle che riguardano tutte le opere incompiute, attraverso un dibattito aperto a tutte le forze politiche, coinvolgendo quanto più possibile le parti sociali ed imprenditoriali. E’ necessario che le Segreterie dei partiti, e particolarmente quella del Partito Democratico, che è anche principale forza di governo della Città, assumano la consapevolezza della crisi della Città e del territorio, ricerchino una maggiore collegialità, e avviino un percorso trasparente e proficuo per gli interessi dell'intera comunità, riportando al centro della discussione il documento di programmazione 2018-2020 che riguarda scelte importanti, attese da ormai troppo tempo da tutti i Cittadini.
Occorre definire altresì un programma per le opere indispensabili e urgenti, con riferimento al completamento e alla gestione di opere pubbliche strategiche, quali ad esempio: l'ex Astra, Vecchio Mercato Civico, Centro Intermodale, l’attuazione più volte promessa del progetto sul ponte Rosello,la conversione della ex Caserma La Marmora di cui non si parla neppure più; così anche
l’attuazione di un piano di decoro urbano che risolva in modo soddisfacente le varie emergenze presenti in Città: manto stradale e marciapiedi, piste ciclabili e cordoli della discordia, verde urbano e interventi di manutenzione almeno ordinaria nelle periferie. MDP - Articolo Uno propone a questo scopo una verifica politica tra tutte le forze della maggioranza, a partire dal Partito Democratico, che è la principale forza di governo della Città e al
suo Sindaco che la rappresenta, per affrontare e superare i nodi irrisolti e le difficoltà esistenti e rendere proficuo e utile il tempo che manca da oggi alle elezioni amministrative del 2019, nell’interesse della Città di Sassari, dei Cittadini e dell’intero territorio.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo