Olbia. Sequestrati 30 kg di cozze a due pescatori abusivi, 8000 euro di multa

Sabato 12 maggio gli uomini della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Olbia hanno individuato e sanzionato a Cala Saccaia due pescatori abusivi di cozze.

Nell’ambito dei normali controlli disposti dal Direttore marittimo, il personale, appena giunto in zona, ha localizzato i pescatori, e recuperato oltre 30 kg di cozze, accertando e contestando una serie di violazioni. 

I due, infatti, avevano pescato un quantitativo vietato, ma soprattutto, si tratta di esemplari raccolti in una zona non certificata sotto il profilo della salubrità delle acque e quindi sprovvisti della certificazione che  renda il prodotto sicuro per l’alimentazione, in maniera tale da eliminare tutti i potenziali rischi per la salute.

Tale controllo ha permesso di scongiurare un danno ambientale, ma in particolare un danno per la salute dei consumatori in quanto secondo la normativa vigente i mitili, prima di essere immessi in commercio, devono essere comunque stabulati e soggiacere a rigidi controlli sanitari.

Ai due trasgressori sono stati dunque contestati due verbali di accertamento di illecito amministrativo, ognuno da 4000 euro, come previsto dal D.lgs. 04/2012 “normativa in materia di pesca e Acquacoltura”, unitamente al sequestro del pescato, del quale è stata certificata la vitalità ed è stato restituito al proprio habitat mediante la reimmissione in mare nella zona in cui era stato raccolto.

Lo stesso pomeriggio gli agenti hanno controllato gli stand della “Sagra della Cozza” organizzata in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono di Olbia. Massima collaborazione si è riscontrata da parte del Comitato Festeggiamenti San Simplicio, al quale sono andati i ringraziamenti del Direttore Marittimo che ha voluto elogiare la corretta implementazione delle norme in materia di tracciabilità e etichettatura del prodotto ittico da somministrare all’utenza cittadina e ai turisti accorsi per l’evento.

Purtroppo non tutti i commercianti hanno mantenuto lo stesso virtuoso comportamento degli organizzatori, sono stati, infatti, elevati tre verbali di illecito amministrativo ad un altro esercente, esterno al Comitato Organizzatore, per la mancanza dei documenti previsti in merito alla tracciabilità ed etichettatura per circa 30 kg di prodotto ittico e per intralcio all’attività di controllo pesca, per un totale di circa 7000 euro.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo