Giro d'affari del gioco d'azzardo in Sardegna: 2 miliardi di euro

Due miliardi di euro di giro d’affari in Sardegna solo nel 2016, oltre 600 ludopatici che hanno rotto il muro del silenzio e sono in cura presso le strutture pubbliche. A Ottana, un comune a caso, ogni anno in media ogni residente brucia mille euro nel gioco d’azzardo ma la situazione è simile in tutta l’Isola.  
Sono i dati più salienti di un problema sociale chiamato GAP, Gioco d’azzardo patologico, oggetto della proposta di legge 514 che questa mattina l’on. Daniela Forma (prima firmataria insieme al collega Lorenzo Cozzolino) e il resto del Pd hanno presentato in  Consiglio regionale, con il sostegno del presidente della commissione Sanità, Raimondo Perra.“La proposta”, ha spiegato la prima firmataria, “parte dall’assunto scientifico secondo cui il gioco d’azzardo può arrivare a generare una dipendenza esattamente quanto la droga, compromettendo la vita del giocatore e le sue relazioni familiari, lavorative e sociali. A livello nazionale il decreto Balduzzi ha iniziato a disciplinare la materia, prevedendo il Piano nazionale di contrasto e una serie di limitazioni per quanto riguarda la pubblicità del gioco d’azzardo. Ma la Sardegna insieme alla Calabria e alla Sicilia non ha ancora legiferato in materia e per questo abbiamo elaborato la proposta di legge. Si tratta di 10 articoli che puntano soprattutto sulle campagne di prevenzione, specie tra i giovanissimi e nelle scuole: i dati confermano che  in questi anni le azioni di sensibilizzazione hanno dissuaso i giovani dal giocare mentre aumenta purtroppo il numero dei giocatori adulti”.
L’onorevole Forma ha precisato che “i ludopatici dal novembre 2017 sono già stati inseriti tra i soggetti che possono beneficiare dell’assistenza sanitaria regionale: i dati ufficiali parlano di 616 pazienti e tra questi 110 sono donne”. Ancora, la regione può contare ogni anno su oltre un milione di euro da spendere in campagne di informazione e per potenziare la rete dell’assistenza ai malati da gioco d’azzardo.
Per l’on. Lorenzo Cozzolino “siamo davanti a un fenomeno che colpisce tanto il giocatore quanto la famiglia e si tratta di temi complessi, destinati a sollevare contraddizioni in Aula come nella società: noi eroghiamo contributi pubblici a società sportive che ospitano negli stadi la pubblicità delle società di scommesse e questa è certamente una questione non da poco”.  
Il consigliere Cacciotto ha ricordato l’importanza di una legge regionale, “che superi l’incertezza normativa e sorregga soprattutto i Comuni che a oggi hanno contrastato con i loro strumenti, non sempre efficaci, il fenomeno”. Invece, il presidente della commissione Sanità, on. Perra, ha sottolineato l’importanza di “una regolamentazione che impedisca che le macchinette e in generale il gioco d’azzardo siano lontani dalle scuole e dai centri di aggregazione sociale”, assicurando al tempo stesso l’impegno della commissione sanità per affrontare la proposta di legge 514 e le altre giacenti in commissione, “in modo da portare un testo unificato in Aula al più presto”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo