Problema posidonia ad Alghero. Il sindaco: " Il nostro lavoro è stato fatto alacremente"

Riportiamo le parole del sindaco di Alghero, Mario Bruno, in risposta alle dichiarazioni del consigliere regionale algherese di Forza Italia sulla corretta gestione della posidonia sul litorale di Alghero.

"Non abbiamo bisogno di un grillo parlante, ma di un vero consigliere regionale. Nel suo lungo impegno in Regione non è riuscito a portare un solo euro a questo territorio. Il chiarimento richiesto agli enti competenti in merito a competenze e responsabilità nella pulizia e rimozione della posidonia dal litorale urbano del lido è a garanzia degli stessi balneari, addirittura richiesto congiuntamente da Amministrazione e titolari di attività balneari e turistiche che hanno promosso la conferenza di servizi proprio per dirimere passaggi ritenuti controversi dell'ordinanza balneare 2018. Ci si sta assumendo la responsabilità d'intervenire e ripulire anche in quelle aree di competenza privata, non è di certo il Comune che parla di aree limitrofe, ma le normative vigenti che ricomprendono tra gli obblighi dei concessionari la pulizia fino al "punto in cui batte il mare, cioè in cui si infrange l’onda, originando la fascia denominata battigia". E l'ordinanza urgente firmata questa mattina dal sottoscritto va proprio in questa direzione, per non vanificare gli sforzi, anche economici, compiuti dalla stragrande maggioranza degli stessi balneari che hanno provveduto ad eseguire la pulizia nei tempi e modi previsti. Non può che sorprendere che un ex sindaco scada il tanta demagogia, ma stia pur tranquillo. Mentre lui si limita a parlare, sono già previsti i lavori per procedere con lo smaltimento e la bonifica dei siti di stoccaggio storici individuati e realizzati tra il 2007 ed il 2008 dalla sua Amministrazione, con tutti i danni che ben conosciamo soprattutto a San Giovanni".

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo