Alghero, società usufruisce impropriamente di finanziamento regionale. Dovrà restituire 150.000 euro

Nell’ambito delle attività finalizzate a contrastare gli illeciti in materia di spesa pubblica, le Fiamme Gialle di Alghero hanno sottoposto a controllo alcune imprese sarde percettrici di finanziamenti pubblici, allo scopo di accertare il corretto utilizzo dei benefici loro assegnati.

Nell’occasione, i militari hanno scoperto irregolarità attuate da una società operante nel settore della nautica da diporto che ha portato alla denuncia del proprietario ed al sequestro per equivalente dei beni. La ditta, oltre ad aver utilizzato impropriamente un finanziamento pubblico erogato dalla Regione Autonoma Sardegna nell’ambito delle iniziative relative allo strumento di programmazione Fondo Europeo Sviluppo Regionale (per un importo di circa 150.000 euro), non ha dichiarato correttamente i redditi per gli anni oggetto del controllo.

In particolare il progetto di investimento dell’impresa prevedeva, oltre all’acquisto di una moderna imbarcazione a vela da utilizzare per la valorizzazione dell’ambiente e della cultura sarda, positive ricadute occupazionali in quanto presumeva l’assunzione di almeno due dipendenti. In realtà l’attività delle Fiamme Gialle ha permesso di accertare che la ditta oltre a non aver assunto alcun lavoratore, risultava da tempo sostanzialmente inattiva in considerazione delle scarse operazioni commerciali effettuate; oltre a ciò è stato altresì accertato che l’imbarcazione era stata locata a favore di familiari e soggetti legati al titolare della ditta da vincoli di amicizia, distraendola così, di fatto, alle finalità cui doveva essere destinata.

Malversazione ai danni dello Stato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche sono i reati contestati dai finanzieri, e per i quali l’Autorità Giudiziaria di Sassari ha rinviato a giudizio i due soggetti ai quali l’Agenzia delle Entrate di Sassari ha altresì contestato sanzioni amministrative in materia di IVA per importi complessivi pari a 75.000 euro.
Infine la Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti di Cagliari, accogliendo i rilievi mossi dai militari del Reparto Navale algherese, ha condannato in solido i soggetti segnalati al pagamento in favore dell’erario della Regione Autonoma Sardegna della somma di 150.000 euro, importo pari all’ammontare del finanziamento a suo tempo percepito.




© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo