Sassari. Aggressione di via Bogino: il sindaco esorta la città a reagire

«Sassari non è una città razzista, le sue cittadine e i suoi cittadini sono aperti all'accoglienza e solidali con le comunità migranti. Episodi come quello accaduto il 2 luglio sono però un campanello d'allarme da non sottovalutare, sia per la violenza del gesto che per l'indifferenza delle persone che hanno assistito».
Così Nicola Sanna commenta l'aggressione avvenuta due giorni fa di fronte alle poste di via Bogino.

«Condanno con fermezza il gesto e con amarezza e preoccupazione rilevo l'impassibilità delle concittadine e dei concittadini presenti. Già le associazioni ieri e oggi hanno mostrato la vicinanza alla vittima di violenza e la capacità di risposta della cittadinanza con due sit-in. Sulla scia di quel movimento spontaneo, voglio esortare la città tutta a reagire, a contrastare qualsiasi episodio di violenza, anticamera della deriva che la nostra società può prendere. L'episodio locale altro non è che lo specchio della situazione nazionale, una situazione dettata dalle scelte delle attuali cariche al governo del paese».


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo