"Sanità, una brutta malattia" L'intervento del commissario della lega Dario Giagoni

Riportiamo l'intervento del vice commissario regionale Dario Giagoni in merito alle carenze della sanità nel territorio gallurese:

"Tra lungaggini, ritardi e infinite liste di attesa, i Galluresi soffrono il sottodimensionamento di servizi essenziali come quelli sanitari.
Il coordinamento della Lega per la Gallura solleva il problema imputando la responsabilità a chi, a livello politico, dovrebbe preoccuparsi della salute dei cittadini.Le maggiori criticità riscontrate inficiano in primo luogo la diagnostica. Dario Giagoni, Vice Commissario regionale della Lega, pone l’accento sul ruolo della prevenzione: “Quante volte si fa uso, o per meglio dire si abusa, di questo termine quando si parla di sanità? La prevenzione, in campo medico, non può essere solo uno slogan promozionale; è e deve rimanere il principale strumento per diagnosticare precocemente gravi malattie e/o patologie”.
Vengono presi ad esempio gli esami a cui le donne sottoposte per arginare l’insorgere del tumore al seno. Secondo l’AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, ecografia e mammografia devono essere ripetute a cadenza biennale, sino al compimento dei 70 anni. La frequenza di simili esami diviene ancora più ravvicinata per tutte le donne che hanno già sofferto di simili problemi neoplastici, a causa dell’aumento dei fattori di rischio.
Purtroppo, il centralino del CUP deputato a canalizzare queste prenotazioni fornisce risposte spesso disarmanti per le tempistiche proposte nei principali ospedali del nord Sardegna come Tempio, Sassari e Olbia.
Una paziente denuncia: “Sono parecchi mesi che non vengono aggiornati i calendari; la responsabilità non è certo degli operatori, che non celano imbarazzo, ma del sottodimensionamento delle strutture sanitarie e del personale ospedaliero preposto”. Pare incredibile che il primo appuntamento disponibile a Nuoro sia in data gennaio 2020.
La Lega denuncia una scelta inevitabile per queste pazienti: “Per ovviare ad un’attesa di quasi due anni, l’unica soluzione possibile sta nel rivolgersi a uno studio privato. Quando si tratta della nostra salute è ovvio che non si badi a spese ma il pensiero va a chi non ha la disponibilità economica per adottare tale soluzione. L’attesa può essere spesso fatale”. Una simile inerzia risulta di difficile giustificazione per gli uffici del CUP che spesso fronteggiano pazienti disarmate.
La situazione non è migliore per quanto riguarda i pap test, mediamente svolti ogni 3 anni da tutte le donne di età compresa tra i 25 e i 64 anni. Le donne rientranti nella suddetta categoria dovrebbero essere oltretutto avvisate tramite lettera spedita dall’ASL ma, spesso, questa comunicazione non arriva alle destinatarie.
Viene citato il decreto legislativo del 1998, nello specifico il numero 124, che fornisce direttive precise in materia di liste di attesa e di tempistica da rispettare per esami di diagnostica preventiva. Tale decreto viene facilmente aggirato tramite la chiusura delle liste che viene additata come una prassi degna di un maligno escamotage ai danni di chi ha bisogno!
Sottolinea Giagoni: “Da una prospettiva ci ritroviamo a gioire per l’acquisto di moderni e utili mammografi in alcune strutture della Sardegna mentre in altre ci vediamo costretti a rattristarci per tempi di attesa esagerati e per strumenti non altrettanto moderni! Siamo purtroppo abituati a subire passivamente scelte e decisioni che spesso non condividiamo anche quando si tratta della nostra salute. Non possiamo però accettare che un nostro diritto venga calpestato”. Tuona Giagoni: “Chi ha l’onore e l’onere di amministrare e guidare la nostra sanità deve ben sapere che molte cose nella vita possono essere prese alla leggera ma tra queste non vi deve mai essere la salute di ogni singolo cittadino”. La Lega auspica pertanto che le denunce sin qui raccolte siano utili a riportare alla normalità una situazione evidentemente scappata di mano alle Autorità preposte che hanno governato su scala regionale in questi ultimi anni."


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo