Rischio incendi: contestate numerose violazioni dall'ispettorato forestale

Nell’ambito dei controlli  disposti e coordinati dal Servizio Ispettorato di Cagliari del Corpo Forestale, rivolti alla prevenzione degli incendi  boschivi,  sono state contestate dal 1 giugno scorso  12 violazioni  amministrative.
I controlli hanno riguardato l’osservanza delle norme di sicurezza degli insediamenti turistico ricettivi in zona boscata   (campeggi , condomini , agriturismo) i quali dal 1 giugno devono essere dotati di  difese antincendio e  fasce parafuoco perimetrali, al fine di evitare il propagarsi di incendi  e di assicurare il pronto intervento.
Nella zona costiera di tra Pula e Villa San Pietro  sono state contestate 5 violazioni a carico dei responsabili di condomini e di agriturismo; la sanzione prevista ammonta da €1.032  a €10.329.
Sono invece 6  le contestazioni   formulate per  abbruciamenti  di stoppie  in zona agricola, eseguiti senza la preventiva autorizzazione  del Corpo Forestale e accertati in diverse zone della provincia (Villacidro, Senorbì, Guspini, Capoterra, Assemini). L’illecito comporta una sanzione da € 150 a € 900.
Nel mese di Luglio l’attività di controllo di prevenzione  da parte del Corpo Forestale  sarà  intensificata  e interesserà tutte le infrastrutture  e attività a rischio per innesco e propagazione di incendio. Infatti, il controllo della realizzazione e dell’approntamento delle difese passive atte a fronteggiare  o limitare  il propagarsi degli incendi costituirà uno degli obiettivi prioritari in termini di prevenzione. Il Corpo Forestale invita i cittadini a osservare le norme di prevenzione previste  nelle Prescrizioni Regionali Antincendio Pubblicate nel Sito istituzione della Regione Sardegna  e di  segnalare al 1515,  numero di emergenza del Corpo Forestale, tutte le situazioni  di pericolo  di incendi.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo