Il valore prezioso degli scarti: al via il progetto Biomarmo

Venerdì 13 luglio alle 9.30, nell’aula magna B del Complesso Didattico di Via Vienna 2 a Sassari, si terrà l'incontro di avvio del Progetto Cluster BIOMARMO “Da scarti di lavorazione a prodotti a elevato valore aggiunto: conglomerati di marmo per la bioedilizia”. Il progetto, promosso e finanziato da Sardegna Ricerche e condotto dall'Università di Sassari, si colloca nell’ambito delle tematiche trasversali della Bioeconomia, della Chimica Verde e della Bioedilizia applicate all’utilizzo e alla valorizzazione degli scarti industriali.

Gli scarti di lavorazione dei materiali lapidei, le ceneri volanti ottenute dalle centrali termoelettriche e le plastiche rappresentano un enorme problema ambientale ed economico. Il progetto intende trasformare questi materiali di scarto in nuovi materiali a elevato valore aggiunto da utilizzare nei settori delle attività edilizie, dell'arredamento e dell'artigianato artistico, facendoli diventare una vera e propria risorsa economica. Per esempio, nella lavorazione di materiali quali il marmo e il granito, oltre il 75% della produzione è costituita da sfridi (cioè scarti) che hanno necessità di essere stoccati e che restano inutilizzati. Grazie a BIOMARMO, i rifiuti industriali potranno essere trasformati in pavimentazioni, sia stradali che da interni, materiali per l’arredo di bagni e cucine, oggettistica ornamentale, pannelli per l’isolamento termico e acustico e così via.

"Biomarmo", coordinato dal professor Alberto Mariani dell'Università di Sassari, verrà realizzato grazie alla collaborazione tra il Dipartimento di Chimica e Farmacia dell’Università di Sassari (UNISS) e le aziende Arras, IN.MA.SA., IN.PRO.MAR., SIMIN, Arte Marmi, Real Daino Marmi e Graniti, Marmi Daino Real, Pietra Artistica Internazionale, Kristal Marmi, Isolex, Turris Sleeve, LUCHE, Sotacarbo.

Biomarmo è uno dei 35 progetti cluster promossi da Sardegna Ricerche attraverso il programma "Azioni cluster top-down" e finanziati grazie al POR FESR Sardegna 2014-2020. I progetti cluster sono attività di trasferimento tecnologico condotte da organismi di ricerca pubblici con l’attiva collaborazione di gruppi di piccole e medie imprese del settore o di settori affini, per risolvere problemi condivisi e portare sul mercato le innovazioni sviluppate nei laboratori. Come per tutti i progetti cluster, anche per Biomarmo vale il principio della “porta aperta”: tutte le imprese interessate a partecipare possono chiedere di entrare a far parte del progetto in qualsiasi momento. Scheda progetto: http://www.sardegnaricerche.it/documenti/13_493_20180220123106.pdf


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo