Sassari. Abbabula 2018, un pubblico di giovanissimi in visibilio per i vent’anni del festival

Vent’anni portati benissimo. ABBABULA festeggia quattro lustri di musica e parole ma non porta certo i segni del tempo. Basta vedere i volti e l’entusiasmo del nuovo pubblico che ieri ha festeggiato l’esordio dell’edizione 2018, composto da giovanissimi, per capire che la scelta coraggiosa delle Ragazze Terribili ha portato una ventata d’aria nuova di cui il festival musicale più longevo di Sassari e dintorni potrà sicuramente avvantaggiarsi.

Il merito è di una formula che, pur portando con sé tutto ciò che di buono è stato fatto in questi anni, cambia pelle. Nuovo il pubblico, nuova l’Arena Concerti di piazzale Segni, dove già diversi anni fa si era fatto qualche esperimento, e nuovi gli interpreti di ABBABULA 2018, assoluti protagonisti della scena musicale contemporanea, in Sardegna e in Italia.

Ieri è stato così per Riky, ossia Riccardo Giacomini, il rapper cagliaritano che ieri ha aperto la rassegna. L’ex Blatha Fam, che vanta tre album solisti e una collaborazione con J-Ax per la realizzazione del singolo Mi Vendo, ha scaldato i giovanissimi che si sono appostati sotto il palco per cantare e saltare insieme a lui al ritmo dei pezzi di “Everest”, album prodotto per Machete che ha permesso al talento sardo, reduce dalla semifinale a The Voice, di scalare le classifiche.

Da Cagliari a Olbia, la serata dedicata al rap e ai suoi nuovi “profeti in patria” è andata avanti con la performance di un altro protagonista assoluto della scena sarda e non solo. En?gma, sul palco con Kaizén, ha mandato in delirio i suoi fans. Il suo rap intriso di contaminazioni varie, dai Prodigy ai Daft Punk, passando dal metal-crossover all’hip-hop ha fatto breccia nel cuore degli spettatori, che hanno condiviso la sua rabbia e la sua protesta, tra salti, braccia alzate e un’unica voce.

L’età media per la terza parte della serata si è alzata di qualche tacca, ma senza mai avvicinarsi ai trent’anni di attività delle Ragazze Terribili. Con il Sindrome di Tôret Tour di Willie Peyote il viaggio si fa più intenso, il linguaggio più complesso, il messaggio meno sfacciato. Si balla e si canta uguale, ma gli adolescenti si spostano a lato per fare posto alla generazione immediatamente precedente. E dopo quasi tre ore di musica, sfumano le luci sulla prima di un ABBABULA decisamente nuovo e convincente.

La terza serata sarà aperta da Elisabetta Usai, che da vincitrice dell’edizione 2017 del piccolo festival “A squarciagola” sale di diritto, e con grande piacere, sul palco di ABBABULA. Dal reggae in limbo alla partecipazione al premio “Parodi”, dal progetto “Archè” alle positive influenze evolutive della musica elettronica. A seguire, sul palco, salirà Gavino Riva in formazione trio con Gian Luca Gadau e Gian Mario Solinas: istrionico musicista bassista da sempre e compositore per vocazione impegnato ad oggi in un nuovo lavoro da solista. Saluto alla luna affidato alle voci, alle suggestioni, all’interpretazione e alle sonorità di Iosonouncane e Paolo Angeli: purissimo distillato di creatività trasformato in performance dal chitarrista di Palau in ensemble con il cantautore di Buggerru, connubio che con “DIE” ha raggiunto il massimo grado di espressività.

Il festival ABBABULA è organizzato dalla cooperativa Le Ragazze Terribili, con il contributo degli Assessorati allo Spettacolo e al Turismo della Regione Sardegna, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Sassari e della Fondazione di Sardegna.

I biglietti di ingresso per la serata del 12 luglio costano 10 euro + d.p. e quelli del 14 luglio 20 euro + d.p.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo