Sassari, ruba e rivende le fedi nuziali della madre

La Polizia Locale di Sassari ha concluso un'attività investigativa avviata all'indomani della denuncia presentata da una donna sassarese a cui erano state sottratte le fedi nuziali.

Le due fedi, in oro bianco,erano state prelevate dall'appartamento della donna che abita nel quartiere di Luna e Sole, nel centro urbano di Sassari. La signora ha denunciato, inoltre, la sparizione dall'abitazione di una catenina d'oro nel mese di giugno. I sospetti della donna si sono concentrati da subito sul figlio quindicenne; infatti, nessun segno di effrazione era presente nel portone d'ingresso, né sugli infissi dell'abitazione.

Le indagini svolte sono partite dalla verifica puntuale delle abitudini e delle persone frequentate dal ragazzino; tra gli amici del giovane sono stati sottoposti a controllo, in particolare, due diciottenni, un ragazzo e una ragazza, con cui il giovane è stato visto trattenersi quotidianamente.

Le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza hanno permesso di inquadrare i due suddetti diciottenni in compagnia del minore, quindi prendere in consegna qualcosa per recarsi immediatamente dopo all'interno di un compro oro. Dopo un quarto d'ora le telecamere hanno inquadrato i due diciottenni mentre uscivano dall'esercizio commerciale tenendo una ricevuta tra le mani; le immagini, inoltre, hanno evidenziato il passaggio di banconote tra i due diciottenni ed il minore.

Le verifiche effettuate all'interno del compro oro hanno permesso di accertare che la transazione era stata proposta ed effettuata dalla ragazza.

Il titolare dell'esercizio commerciale ha fornito agli agenti la documentazione attestante che le fedi nuziali erano state pagate al prezzo di cui alle tariffe di mercato, ed il fascicolo relativo alla suddetta compravendita è risultato completo, ovvero l'esercente aveva acquisito copia del documento d'identità della ragazza, aveva fotografato le due fedi, aveva eseguito le registrazioni della transazione. Le due fedi sono state sequestrate e inoltre, le indagini hanno permesso di ricostruire i movimenti recenti dei suddetti giovani, da cui è emerso che il ragazzo diciottenne già in due precedenti occasioni, ovvero il 24 giugno e il 4 luglio, aveva venduto oggetti in oro allo stesso esercente.

Gli oggetti venduti nell'ultima transazione, anch'essi probabile oggetto di sottrazione illecita, sono stati sottoposti a sequestro in attesa di eseguire ulteriori approfondimenti. I tre giovani sono stati segnalati all'Autorità Giudiziaria e ai servizi sociali del Comune di Sassari.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo