San Teodoro, sequestrata imbarcazione utilizzata per trasportare passeggeri abusivamente

Nei giorni scorsi, gli uomini della Guardia Costiera di Olbia hanno sequestrato un’imbarcazione da diporto, nell’acque del Comune di San Teodoro, che veniva utilizzata quale unità da traffico in assenza di qualsivoglia prescrizione prevista dal D.P.R. 435 in data 8 novembre 1991 “approvazione del regolamento della sicurezza della navigazione e della vita umana in mare”.
L’imbrcazione veniva utilizzata per attività di trasporto di persone a titolo oneroso organizzando vere e proprie escursioni all’interno dell’Area Marina Protetta di Tavolara – Capo Coda Cavallo con partenza sia dalla spiaggia dell’Isuledda che da Cala d’Ambra, ampiamente pubblicizzate sia su siti web sia sui social network, sia mediante depliant e materiale informativo cartaceo.
L’attività per la quale il mezzo era adibito era in realtà attività di noleggio, come disciplinato dagli artt. 2 e 47 del Codice della Nautica da Diporto, inoltre, il conduttore non era in possesso dell’idoneo titolo professionale previsto dall’art. 260 del Regolamento al Codice della Navigazione.
È scattata così, l’operazione di polizia marittima, mediante l’impiego di due pattuglie a terra della Guardia Costiera di Olbia, coordinata dal Direttore Marittimo, Capitano di Vascello Maurizio TROGU, che hanno intercettato l’Unità da diporto in località Cala D’Ambra, mentre sbarcava i passeggeri presenti a bordo per poi procedere al sequestro preventivo accertate le inadempienze penali relative all’utilizzo improprio di unità da diporto per trasporto passeggeri. Il personale operante ha infine denunciato a piede libero il proprietario della Società di noleggio alla Procura della Repubblica di Nuoro.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo