Al via la 15ᵃ edizione del Sennori Folk Festival

È iniziata ufficialmente oggi la 15ᵃ edizione del Sennori Folk Festival, la manifestazione, organizzata dall’associazione Gruppo Folk Città di Sennori”, curata dal direttore artistico Giovannino Mannu, e patrocinata dal Comune di Sennori.Questa mattina gli ospiti internazionali provenienti da Argentina, Nuova Zelanda, Perù e Slovacchia, sono stati accolti in Municipio dal sindaco, Nicola Sassu, e dalla Giunta. I gruppi, dopo le presentazioni e lo scambio di doni reciproci, sono stati accompagnati alla scoperta della sala consiliare con i dipinti del maestro Fara, e quindi delle vicine domus de janas, e, in serata delle bellezze del territorio.

Domani sera, a partire dalle 19, i gruppi internazionali, l’Asociaciòn Cultural “Perù sentimiento Y tradicion”, gli slovacchi del Folklore Ensemble “Vagonar” Poprad, il gruppo della Nuova Zelanda “Ngaty Ranana”, e gli argentini “Grupo Popular Danzante”, insieme con il gruppo folk Città di Sennori e il Coro delle voci bianche Città di Sennori,

sfileranno indossando i  loro abiti tradizionali per le vie principali di Sennori, fino al Centro culturale. Qui, dalle 21, si svolgerà la serata coi balli tradizionali e le musiche folkloristiche di ogni Paese. Domenica 5 agosto i gruppi ospiti parteciperanno alla santa messa celebrata dal parroco don Salvatore Masia, che chiuderà di fatto la manifestazione.

Il gruppo folk “Città di Sennori” è nato nel 1991 come gruppo di ballo tradizionale per ricercare studiare e valorizzare le tradizioni del paese di Sennori e della Sardegna. Nel 1997 il gruppo si è costituito come Associazione folklorica, oggi guidata dal presidente Giovanni Sechi; è formato da dodici coppie di ballerini adulti, un suonatore d’organetto e un accompagnatore a chitarra tradizionale. L’Associazione ha istituito una scuola di ballo tradizionale di cui fanno parte due gruppi: il “minifolk Città di Sennori” composto da nove coppie di bambini con età dai 6 ai 13 anni, e il “senior”, con dieci coppie over 45.

Il gruppo nel corso della sua attività ha partecipato alle manifestazioni più importanti della Sardegna, come la sagra del Redentore di Nuoro, Sant’Efisio a Cagliari, sagra di Sant’Antioco, la Cavalcata sarda di Sassari e numerose altri eventi sia religiosi, sia folkloristici. Ha inoltre preso parte a vari festival internazionali sia nella Penisola, sia all’estero, rappresentando l’Italia e la Sardegna in Romania, Polonia, Spagna, Germania, Portogallo, Irlanda.

Il repertorio del gruppo è composto da vari balli tradizionali della Sardegna, frutto di una ricerca approfondita sulle usanze risalenti alla prima parte del 900. Primo fra tutti i balli è “Su ballu tundu logudoresu” che si può considerare il ballo principe della zona. L’accompagnamento musicale delle danze è eseguito con organetto diatonico, fisarmonica, chitarra tradizionale e in qualche occasione con Coro tradizionale sardo.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo