Nubifragio ad Alghero. Caos in mare, 15 diportisti in pericolo di vita in mezzo alla tempesta


Nel tardo pomeriggio di ieri diversi interventi di soccorso hanno impegnato la Guardia Costiera di Alghero. I militari, sotto il coordinamento del Direttore Marittimo del Nord Sardegna - Capitano di Vascello Maurizio Trogu - sono stati chiamati in un ristretto arco temporale a prestare assistenza ed a soccorrere diversi diportisti sorpresi in mare dal maltempo. A partire dalle ore 18.15 sono state infatti una dozzina le segnalazioni pervenute quasi in contemporanea alla Sala Operativa a seguito del violento nubifragio che si è abbattuto su Alghero e che ha messo in situazione di pericolo diversi diportisti. Una quindicina le unità segnalate a diverso titolo in difficoltà. Alle numerose richieste di soccorso pervenute la Guardia Costiera ha risposto con l’intervento a mare di tre mezzi navali che hanno operato per oltre tre ore nella rada di Alghero e nella baia di Porto Conte. Di rilievo il contributo fornito durante le operazioni di assistenza e soccorso da alcune unità da diporto, da un’unità da traffico passeggeri e da un peschereccio presenti in zona durante il violento nubifragio. Dopo aver portato a termine gli interventi di maggiore urgenza ed essersi assicurati che le persone coinvolte fossero in salvo ed in buone condizioni di salute, i militari imbarcati sui mezzi navali della Guardia Costiera hanno proceduto a pattugliare la rada di Alghero e la baia di Porto Conte per verificare l’eventuale presenza di ulteriori mezzi in difficoltà e che le unità navali maggiormente danneggiate dall’evento non avessero prodotto sversamenti a mare di sostanze inquinanti.
La Guardia Costiera invita tutti i diportisti ad ispirare la propria condotta alla massima prudenza e ad uscire in mare solo dopo aver preso conoscenza delle condizioni meteo-marine che si troveranno ad affrontare.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo