Caso sanità, scoppia le reazione delle forze politiche. M5S Sassari: "Sassari ha perso dignità"

Riforma sanitaria,  è il caos dopo ,e dichiarazioni del sindaco Sanna in consiglio comunale. Intervento stampa del portavoce del M5S Sassari Desirè Manca:


"La sanità è argomento di vitale importanza per gli esseri umani, per i cittadini di Sassari, per tutte le famiglie e per i nostri figli: parliamo di salute, di salvaguardia e cura della stessa vita. “Un tema vitale che come giustamente sottolineato da una collega è stato più volte trattato in Consiglio. A tal proposito invito tutti a rivedere interventi e posizioni espresse dal Movimento Cinque Stelle già nel 2016. Ora, a fine mandato e a giochi quasi fatti, come maggioranza ci invitate a sostenere un ordine del giorno per far sì che non vengano tagliati i posti letto, che venga assegnato un ruolo di hub regionale alla nostra città uguale a quello di Cagliari e garantito il riequilibrio in ambito sanitario in riferimento al Mater di Olbia. E’ ovvio che la città avrà il nostro sostegno, lo avrà anche se da due anni urliamo a gran voce e inutilmente chiedendo a questa Giunta di intervenire in Regione senza mai avere risposte. Troppo delicato il tema, la sanità, troppe le implicazioni e le complicazioni sopraggiunte in questi anni per non evidenziare errori di valutazione e comportamenti sbagliati. Negli ultimi due anni di opposizione non si contano le volte in cui abbiamo cercato di richiamare la vostra attenzione su una riforma sanitaria regionale che, da subito, mostrava le sue lacune. Lacune mai colmate da parte di una Giunta e di un assessore che oltre a dimostrare una scarsa lungimiranza in materia hanno altresì dimostrato di avere scarsissima considerazione del nord Sardegna che solo in teoria doveva essere lo specchio del sud. Niente di più ipocrita e falso. Una continua presa in giro che solo voi non avete capito, o forse avete fatto finta di non  capire. Due anni fa noi chiedevamo un intervento del Comune, mentre voi difendevate l’indifendibile appoggiando l’operato dell’assessore Arru. Già allora era chiara la netta divisione, il netto divario e la netta differenza fra nord e sud: la volontà politica regionale espressa dal vostro partito volgeva la sua attenzione verso una struttura ospedaliera privata, il Mater”.

“Che amarezza constatare che in cinque anni di vostra amministrazione Sassari ha perso tutto. L’avete svuotata della sua dignità, calpestando quotidianamente i vostri concittadini senza essere in grado di mantenere intatto quello che era rimasto: un dialogo aperto fra città e regione, governati entrambi da uno stesso partito - afferma Desiré Manca -. Politici sassaresi che trasferendosi a Cagliari non hanno avuto la capacità di rappresentare la loro città in Regione. E poi un sindaco, Nicola Sanna, che impegnato a tenere in piedi la sua maggioranza per salvaguardare la sua poltrona  ha permesso che Sassari perdesse tutto, dall’aeroporto alla mancata nomina a città metropolitana, dal centro intermodale alle opere mai consegnate e incompiute. Il sindaco della promesse mancate: doveva rivoluzionare la città, ma l’unica cosa che è riuscito a fare, e l’ha fatta bene, è stato allontanare le Istituzioni dal cittadino con Giunta e maggioranza ad avvalorare il suo modus operandi, senza amai alzare la testa e rappresentare per davvero tutti coloro che vi hanno votato. Vediamo se anche stavolta la città si piegherà alla volontà della Regione”.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo