Sassari. Niente sonde alla senologia dell'Aou, il cancro non va in ferie!!

 (foto:  SassariNotizie.com)
(foto: SassariNotizie.com)
Il movimento Donne libere per il diritto alla salute, a firma di Luana Farina, denuncia pubblicamente l'assenza all'Aou du Sassari di uno strumento importantissimo per il monitoraggio del tumore alla mammella: 

La presente nota per denunciare un fatto davvero increscioso: nella Senologia della AOU di Sassari da fine giugno le sonde necessarie per eseguire il Mammotome sono esaurite ed è impossibile quindi poter eseguire il suddetto esame di approfondimento quando a seguito di mammografia si riscontrano calcificazioni sospette.
Il Mammotome è un sistema per biopsia VABB (VacuumAssisted Breast Biopsy chirurgia mininvasiva) che utilizza una sonda assistita da un computer per effettuare biopsie di lesioni non palpabili della mammella reperite precedentemente attraverso esami radiologici o ecografici. Esso permette di prelevare frustoli di tessuto da analizzare istologicamente.

La Direzione sanitaria AOU da noi contattata a seguito di numerose segnalazioni fatte da pazienti impossibilitate a fare a Sassari il necessario accertamento, ha risposto che avrebbe provveduto immediatamente a risolvere il problema tramite gli uffici acquisti competenti, che probabilmente, visto il periodo di ferie, sono sguarniti di personale!  A tutt’oggi, infatti, non ci risulta siano state fornite alla senologia le suddette sonde e le donne dovranno ancora aspettare chissà quanto per potersi sottoporre al controllo. Sappiamo bene che a volte anche un solo giorno può fare la differenza davanti all’urgenza di un tumore.
Ci pare assurdo che si debbano ordinare le sonde solo dopo che sono esaurite, che il personale medico della Senologia sia costretto a lavorare in simili condizioni e che la AOU non disponga di scorte necessarie di strumenti tanto necessari.
Tante donne si sono rivolte alla struttura ospedaliera di Nuoro, molto avanzata in tal senso, ma purtroppo molte non hanno avuto la possibilità di poter eseguire subito l’indagine istologica proprio perché su Nuoro si sono riversate tutte la pazienti di Sassari che hanno in qualche modo “intasato” la struttura con un surplus di lavoro.E poi ci parlano di prevenzione! Vergogna!
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto:  SassariNotizie.com)