Denunciato dalla Guardia Costiera pescatore abusivo nell'Area Marina Protetta dell'Asinara

Un’importante operazione di polizia marittima a tutela dell’ambiente marino e del rispetto delle leggi sulla pesca è stata portata a termine nella notte dagli uomini della Guardia Costiera di Porto Torres in località “Punta La Cornetta” zona A di riserva integrale dell’Area Marina Protetta dell’Isola dell’Asinara. La suddetta attività ha portato alla denuncia a piede libero di un pescatore professionale e al sequestro di circa 1200 metri di reti (tipo tramaglio) e a circa 50 kg di pesce e 8 esemplari di aragosta.
L’operazione, che ha permesso di interrompere un’ingente attività di pesca di frodo, è iniziata intorno alle ore 23.00 di ieri quando, durante il pattugliamento nell’Area Marina Protetta dell’Isola dell’Asinara, i militari della Guardia Costiera hanno intercettato una motopesca con a bordo un pescatore professionale intento a salpare 1200 metri di rete.
Vistosi braccato in flagranza, il pescatore di frodo ha cercato di mettersi in fuga, ma inutilmente, ed è stato subito raggiunto dagli uomini della Guardia Costiera che hanno proceduto alla contestazione del reato in materia ambientale e di pesca con successivo sequestro di tutta l’attrezzatura e del pescato. Il pescato sequestrato è stato devoluto in beneficenza ad alcune associazioni locali di volontariato, dopo aver acquisito la prevista certificazione sanitaria da parte dell’ASL di Sassari.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo