Il Candeliere di San Sebastiano balla con i detenuti

di SSN
Ha ballato questa mattina presso la Casa circondariale “Giovanni Bacchiddu” il Candeliere di San Sebastiano, un nuovo candeliere realizzato nell'ambito del progetto “Tradizioni senza barriere”, organizzato dall'Intergremio Città di Sassari in collaborazione con il Comune di Sassari e la Casa circondariale. L'iniziativa, promossa dal Garante dei diritti delle persone private della libertà personale, Mario Dossoni, ha visto il coinvolgimento di circa 40 detenuti del carcere di Bancali. Fulcro del progetto, che ha preso il via nel mese di marzo, il laboratorio di falegnameria tenuto dall'architetto Giovanni Andrea Pasca. 

Gli ospiti della Casa Circondariale hanno partecipato a tutte le fasi di realizzazione dell'opera, sia quella lignea che quella decorativa, coadiuvati da alcuni artigiani del Gremio dei Fabbri. Altri due laboratori hanno, invece, portato alla realizzazione di un tamburo, costruito con materiali tradizionali, e alla creazione degli addobbi del candeliere e delle divise dei portatori. Le attività di creazione dello strumento sono state coordinate da Francesco Simola, quelle di sartoria da Tonino Spada e tutte le attività dell'Intergremio dal presidente Salvatore Spada. 

Il percorso formativo, che è stato arricchito anche da alcune lezioni sui gremi e i candelieri, è stato documentato da Luciano Sodini, che ha ripreso tutte le fasi di lavorazione. Il progetto, coordinato da Gianfranco La Robina, ha visto il coinvolgimento delle educatrici e degli educatori dell'istituto penitenziario.
Il nuovo Candeliere di San Sebastiano, consegnato alla direttrice della Casa Circondariale Patrizia Incollu, ballerà lunedì 13 agosto durante la cerimonia di consegna del Candeliere d'oro, d'argento, di bronzo e speciale.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione