E niente, il senso civico non è di casa a Sassari

Rischieremo di diventare stucchevoli se quotidianamente raccontassimo le gesta incivili di chi usa la città come discarica a cielo aperto. E a nulla serve l'educazione, la cultura del rispetto, il senso civico, il senso di appartenenza alla città, vedere  la città come la propria casa. Paroloni idilliaci che diventerebbero motivo di risa e scherno. Si perchè gli incivili esistono e si beano delle malefatte. Come questa, che ben rappresenta la mancanza di educazione di chi vede la presenza dei cassonetti come area in cui lasciare qualsiasi tipo di rifiuto. Per chissà quale ragionamento inspiegabile, quando la gente "poco civile" vede i cassonetti, inizia ad accatastare rifiuti sopra, dietro, tutto intorno. Contribuisce a creare quello che in sardo si chiama "muntonarzo". Accatasta, crea torri e piramidi di spazzatura, finchè arrivano lamentele dei cittadini alle società di gestione dei rifiuti, che un giorno o l'altro, arrivano a bonificare la zona che nel frattempo ha germogliato e cresciuto colonie di microbi, batteri e chissà quale altro animale. Insomma, non sappiamo se sarà così anche per via Amendola. Ma ieri, una delle vie più trafficate di Sassari si presentava così'. La foto compare nella pagina facebook  "Sassari si muove".
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo