Il Museo archeologico di Porto Torres organizza “Quattro passi tra le botteghe di Turris”

Un salto nel tempo per rivivere le atmosfere che animavano le strade e le botteghe dell’antica città, osservare dal vivo il lavoro degli artigiani, toccare e assaggiare i prodotti realizzati. Il Museo archeologico nazionale Antiquarium Turritano di Porto Torres, in collaborazione con l’Associazione Sardinia Romana, venerdì 7 settembre 2018, dalle 16.00 alle 20.00, con apertura straordinaria fino alle 21.00 , organizza una serata di rievocazione dal titolo “Tabernae Turritanae. Quattro passi tra le botteghe di Turris”.
Le botteghe di Turris Libisonis tornano ad animarsi con il contributo dei rievocatori dell’Associazione Sardinia. All’interno degli ambienti, ritenuti dagli archeologi tabernae, che si affacciano sul Cardo, verranno ricostruite alcune botteghe, come il Pistrinum del fornaio, con dimostrazioni delle tecniche utilizzate e la riproduzione dei diversi pani, la bottega del pescivendolo che servirà Garum, riprodotto secondo l’antica ricetta romana, quella del Medicus che mostrerà i suoi strumenti chirurgici e racconterà i suoi segreti e, infine, quella del gioielliere, con una selezione dei gioielli più alla moda d’età imperiale. Verrà inoltre realizzato un piccolo sacello dedicato alla dea Iside, protettrice della navigazione e dei commerci in epoca romana. Tutti i rievocatori, in abito storico fedelmente riprodotto, saranno a disposizione  per fornire le spiegazioni e soddisfare le curiosità del pubblico nelle tabernae di Turris.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo