Il 10 settembre a Sassari flash mob per la giornata mondiale per la prevenzione del suicidio

Datti il tempo. Fermati, respira, c’è una soluzione e sicuramente una voce che ti può aiutare ed essere vicino, soprattutto se stai pensando ad un gesto estremo come il suicidio o pensi che qualcuno vicino a te possa arrivare a farlo.

Il 10 settembre, in occasione della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio indetta dall’OMS, più di 100 paesi organizzeranno eventi culturali, conferenze e marce dedicate a questo tema. Gli eventi organizzati in tutto il mondo vogliono attirare l'attenzione delle persone sul ruolo che la comunità ha nella prevenzione del suicidio.

La Onlus Telefono Amico Italia, che risponde tutti i giorni al numero unico nazionale 199 284 284 dalle 10.00 alle 24.00, ha lanciato già da qualche settimana un appello per chiamare a raccolta tutti coloro che pensano che la disposizione all’ascolto e l’attenzione agli altri possano contribuire a salvare delle vite.

Il flash mob “Datti il tempo”, voluto e ideato dai volontari dell’associazione, avrà luogo il 10 settembre alle ore 19 in 10 piazze in Italia (Bergamo, Bolzano, Milano, Modena, Napoli, Padova, Roma, Sassari, Udine, Venezia, Vicenza), luoghi simbolo delle città che ospitano un centro del Telefono Amico Italia.

Cosa succederà il 10 settembre prossimo?

Un battito di tamburo che simula quello del cuore, che parte piano per poi aumentare e infine si calma (a simboleggiare l’agitazione e la confusione interna che può esserci in coloro che vivono un dramma interiore che può arrivare fino al pensiero di morte) verrà fatto ascoltare a tutti i presenti, che si troveranno per caso o per scelta, in una delle piazze nell’occasione del flash mob.

Ad animarlo tutti coloro che sentono l’importanza dell’evento e che vorranno unirsi con un battito di mani al ritmo del tamburo.

Un momento che si concluderà con la lettura delle motivazioni per cui è stato creato questo momento flash, questo stacco dalla vita quotidiana, questo darsi il tempo per riflettere, per evitare magari un suicidio.

A rappresentare il senso del flash mob c’è anche un video che Telefono Amico Italia ha creato e postato sui social (https://www.youtube.com/watch?v=1Z-7IX6Ff5s&feature=youtu.be) che vuole evidenziare come anche in una situazione apparentemente “comune”, l’esito finale possa essere un suicidio, se la sofferenza della persona che la prova, è talmente forte da non vedere vie d’uscita.

“Il senso è proprio questo – spiega la Presidente Nazionale di Telefono Amico Italia Monica Petra – Il 10 settembre prossimo invitiamo tutti, noi in prima persona a darci il tempo, a concederci il diritto di avere tempo di fare delle scelte, di avere tempo di essere ascoltati. Noi, poi, come volontari del Telefono Amico Italia mettiamo la disponibilità e la capacità di ascoltare in maniera empatica, senza giudicare nessuno.”

È da anni che Telefono Amico Italia partecipa a diverse iniziative legate alla Giornata Mondiale di Prevenzione al Suicidio, ma è la prima volta quest’anno che ha scelto di “mettersi in prima linea” in maniera corale, a suo modo, “a lato ma vicino”, scendendo concretamente in piazza.

Voce Amica Sassari è il quarto anno che organizza un evento per ricordare questa giornata, nel 2015 e 2016 una passeggiata ecologica (Passo dopo passo) e lo scorso anno proprio un flash mob (“Fermati un attimo”) sul Ponte di Rosello.

“Quest’anno abbiamo deciso che il raduno avvenisse nel salotto buono di Sassari per dare un segnale ancora più forte” – ci spiega la Presidente di Voce Amica Sassari Sandra Poddighe – “Abbiamo voluto essere presenti nel cuore della città perché il problema dei suicidi non riguarda solo alcuni e non è legato a luoghi specifici o rilegato a particolari categorie di persone, è vicino a ciascuno di noi. Chi decide di suicidarsi vive ogni giorno accanto a noi, possono essere nostri colleghi, familiari, compagni di scuola… sono uomini, donne e purtroppo spesso anche ragazzi che stanno portando un carico tale da pensare che l’unica via per uscire da quella situazione sia morire.”

“Stavolta abbiamo voluto organizzare un evento tutti insieme – continua la Presidente di Telefono Amico Italia –   tutti alla stessa ora, tutti in piazza, tutti a ritmo di tamburo, dandoci il tempo di affrontare assieme una problematica, come lo è quella del suicidio, ancora stigmatizzata e apparentemente distante dalle persone, ma che in fondo non è distante da nessuno di noi.  Ogni giorno noi volontari rispondiamo proprio anche ad esigenze o problematiche, che possono sembrare “normali” o “comuni” ma che in realtà possono nascondere un vero e proprio malessere e portare a contemplare   il suicidio, che invece noi vogliamo aiutare a prevenire, proprio attraverso il dialogo e l’ascolto.”

Dai dati dell’OMS emergono numeri impressionanti: 800 mila suicidi ogni anno, in media uno ogni 40 secondi, mentre ogni tre secondi si registra un tentativo di suicidio.

I dati sulla Sardegna sono impressionanti e si discostano notevolmente dalla media del sud Italia: circa 20,4 casi per 100mila abitanti fra gli uomini e 4,5 casi per 100mila abitanti fra le donne, a fronte di una media di quattro-cinque casi per 100mila abitanti nel Sud Italia.

Nel sito dell’associazione www.telefonoamico.it e nella pagina Facebook https://www.facebook.com/telefonoamicoitalia/ è possibile trovare tutti i dettagli del flash mob per ogni città. Nella pagina Facebook sarà possibile assistere anche in diretta ai singoli eventi attraverso foto e video dei partecipanti che verranno postati in tempo reale.

Le iniziative di Voce Amica Sassari non si esauriranno nel flash mob, il 19 settembre ci sarà la presentazione del corso per nuovi volontari: “Cerchiamo persone che abbiano voglia di mettersi in gioco e aiutare gli altri – prosegue Sandra Poddighe - non serve una formazione particolare ma attitudine all’ascolto e apertura, al resto penseremo noi con un corso che dura circa 3 mesi. Chi è interessato può mandare una mail a sassari@telefonoamico.it e gli daremo tutte le informazioni necessarie”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo