Sennori. Presentato il vocabolario “Sa Faeddada de Sénnaru”

È stata presentata questa mattina, nella sede della Fondazione di Sardegna, a Sassari, l’opera letteraria “Sa Faeddada de Sénnaru”, il vocabolario della Lingua Sarda, curato da Tonino Mario Rubattu, che l’Amministrazione comunale di Sennori distribuirà gratuitamente a tutte le famiglie sennoresi, alle scuole del paese, alle massime istituzioni locali e regionali, ai principali punti di attrazione turistica e alle biblioteche della Sardegna.

L’opera, unica nel suo genere, è nata da uno studio portato avanti fina dagli anni ’80 da Rubattu, e si compone di due volumi che racchiudono i termini del lessico di Sennori, il loro significato in italiano e il dizionario etimologico raffrontato con le altre varietà della lingua di Sardegna: logudorese, nuorese, campidanese, sassarese e gallurese.

Il progetto è patrocinato dalla Fondazione di Sardegna, la quale ha concesso un contributo per il completamento dell’opera, e dall’assessorato regionale alla Pubblica istruzione, Beni culturali, Informazione, Spettacolo e Sport.

«Conservare la nostra lingua e tramandarla significa tramandare la nostra identità, e quest’opera, frutto di tanti anni di lavoro, rientra di diritto nel patrimonio culturale della nostra isola», ha commentato la vicepresidente della Fondazione Sardegna, Angela Mameli, nel corso della presentazione del vocabolario.

«Per l’amministrazione comunale oggi è una giornata storica, è la conclusione di un progetto nato nel 2011 con il sindaco Desini e che ora possiamo mettere a disposizione di tutti i sennoresi e di tutta la Sardegna», ha detto il sindaco di Sennori, Nicola Sassu, prima di cedere la parola all’assessora alla Cultura, Elena Cornalis: «Regalare il vocabolario a ogni famiglia sennorese ha un grande valore culturale, accresciuto dal fatto che è stato scritto dal linguista più autorevole di Sardegna».

«Il significato di questo lavoro è procedere a far sì che questa lingua non muoia», ha spiegato l’autore, Tonino Mario Rubattu. «Speriamo che questo vocabolario entri nelle case dei sennoresi con lo stesso entusiasmo con cui è stato realizzato, perché è un libro che appartiene a tutti i sennoresi e a tutti i sardi».

 
Questa sera il dizionario sarà presentato al paese in un incontro pubblico che si svolgerà alle 19 e 30 all’Auditorium del Centro Culturale “Antonio Pazzola”, in via Farina 32, a Sennori.

All’incontro, animato dal coro sardo “Sonos de Coro”, da Theatre en Vol e dall'associazione culturale “Il Lentischio”, interverranno per presentare il dizionario, l’autore Tonino Mario Rubattu, il sindaco di Sennori, Nicola Sassu, il consigliere regionale Roberto Desini, il presidente della Fondazione di Sardegna, Antonio Cabras, l’assessore alla Cultura del Comune di Sennori, Elena Cornalis, lo studioso Salvatore Tola, il poeta Giovanni Fiori, la poetessa Anna Cristina Serra e il figlio del maestro Salvatore Fara, i cui dipinti raffigurati nel dizionario, impreziosiscono i due volumi editi da EDES.




© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo