Una Dinamo Sassari super vince in rimonta sullo Szolnoki

Che Dinamo! La Dinamo Banco di Sardegna conquista il Game 2 di Fiba Europe Cup vincendo nel migliore dei modi di fronte al pubblico di casa: dopo aver sofferto l’offensiva ungherese dello Szolnoki Olaj i biancoverdi mettono a segno la rimonta dal -20 e si portano avanti quando inizia l’ultimo minuto di gioco. Protagonisti della vittoria un monumentale Scott Bamforth (25 pt con 5/7 da tre, 5 as), un decisivo Terran Petteway (21 pt, 6 as, 4 rb, 5 falli subiti), che ha firmato la bomba del sorpasso, e un super Jack Cooley (17 pt, 6 rb) autore della prodezza finale. Nell’ultimo possesso  con i sassaresi sul +2 il centro numero 45 soffia la palla agli ospiti: Jack chiude il coast to coast con la schiacciata allo scadere. Il pubblico del PalaSerradimigni esplode in un urlo di gioia: vittoria al cardioplama. Che Dinamo di grinta, attributi ed energia.

Doppia cifra anche per Rashawn Thomas, a segno con 14 punti e 5 rimbalzi, e Achille Polonara (10 pt, 5 falli subiti): già da domani i giganti lavoreranno in vista della sfida con Torino in programma domenica alle 19.

Starting five biancoverde con Smith, Bamforth, Gentile, Thomas e Cooley, Szolnok risponde con Airington, Vojvoda, Benke, Toth e Milosevic. Gli 8ngheresi partono forte bombardando dall’arco con Airington e Vojvoda: a rompere il ghiaccio per i biancoverdi Cooley e Gentile. Lo Szolnok continua la sua corsa ma i giganti accorciano le distanze con Bamforth dall’arco. Il giocatore originario di Albuquerque scrive il -1, ma i biancorossi rispondo con un break di 7 punti. Petteway chiude la prima frazione 24-27. Lo Szolnoki, condotto da un Vojvoda irreale (16 pt), scappa via fino al +10. A suonare la carica c’è la coppia Smith-Cooley. Petteway e Thomas accorciano le distanze in chiusura di quarto: le squadre vanno negli spogliatoi sul punteggio di 48-56. Al rientro dall’intervallo lungo Szolnok scappa via, trascinata dalle prestazioni balistiche di Rowsey e Vojvoda. Polonara e Cooley lanciano la rimonta sassarese siglando un parziale di 9 punti negli ultimi 2’ della terza frazione: al 30’ il tabellone dice 67-78. Non si arresta l’onda biancoverde: Polonara e Petteway infilano due triple che infiammano il PalaSerradimigni. I giganti si riportano dal -20 del 35’ a-5. Airington infila  4 punti che fanno respirare Szolnok. È la coppia Petteway-Bamforth a condurre la rimonta sassarese: il Bam Bam Bamforth segna una tripla da distanza siderale e il libero che riporta Sassari a un possesso di distanza. Reazione ungherese, ma Bamforth conduce i giganti con 7 punti. La bomba di Petteway mette il sigillo sul sorpasso quando inizia l’ultimo giro di cronometro. Il Palazzetto è una bolgia. Il quinto fallo di Milosevic manda in lunetta Petteway: il giocatore americano fa 1/2. La conclusione della partita è degna del miglior sceneggiatore, ultimo possesso fondamentale: sul +2 palla agli ospiti, rubata di Jack Cooley che chiude il coast to coast inchiodando la schiacciata della vittoria alla sirena finale. Al PalaSerradimigni finisce 98-94.

Sala stampa. Coach Vincenzo Esposito commenta con soddisfazione la vittoria dei suoi: “Nella conferenza prepartita avevo detto che Szolnok era una squadra di valore con talento ed esperienza ce l’hanno dimostrato stasera, tirando con percentuali incredibili in parte per colpa nostra ma anche per merito loro che hanno trovato canestri difficili. Noi abbiamo aspettato troppo per adeguarci al ritmo che si gioca in coppa, ancora non abbiamo chiaro con che atteggiamento bisogna approcciare a queste sfide: spesso arriviamo in ritardo, come era già successo a Leicester e si è ripetuto stasera. Statisticamente siamo stati sotto la nostra media rimbalzi e questo non ci ha permesso di giocare a tutto campo come è nelle nostre corde, abbiamo però migliorato alla voce palle perse e quelle recuperate. Portiamo a casa le cose positive di stasera e già da domani lavoriamo su quelle negative in vista della sfida che ci attende in campionato domenica contro Torino. Credo che il pubblico abbia dato un sostegno importante nel momento di difficoltà e ci ha spinto nella rimonta: bravi anche i ragazzi a trovare dei canestri difficili arginando gli avversari in difesa. Quella di stasera è sicuramente una bella vittoria per come è arrivata: c’è ancora tanto da lavorare ma lo sappiamo tutti, in primis i ragazzi. Ma continuiamo sulla nostra strada”.

Il giocatore biancoverde Terran Petteway: “Siamo usciti da questa partita a testa alta, loro hanno tirato con percentuali incredibili: siamo arrivati fino a -20 ma siamo stati bravi a restare uniti e rientrare in partita portando a casa la vittoria, siamo un bel gruppo e possiamo fare bene”.

Il tecnico dello Szonoki Olaj  Dragan Aleksic: “Voglio prima di tutto congratularmi con  Sassari per la vittoria, ha giocato una grande partita in una grande atmosfera. I miei ragazzi hanno portato in campo 35’ di grande basket, poi abbiamo avuto problemi di falli con i lunghi e ci siamo inceppati in attacco. Il calore del pubblico di casa ha sicuramente dato una mano alla squadra nella vittoria. La Dinamo è un club che ha storia e tradizione, sapevamo che vincere qui non sarebbe stato facile. Adesso ci focalizzeremo per giocare al meglio la gara di ritorno a Szolnok”.

La guardia dello Szolnoki Olaj Jayiling Airington: “Mi unisco a quello che ha detto il coach, voglio congratularmi con Sassari: a noi è mancato un pizzico di concentrazione nel finale, il ritmo elevato dei primi 35’ci ha fatto perdere lucidità alla fine. Ma ci è mancato davvero poco, adesso dobbiamo lavorare su ciò che stanotte non è andato bene e restare uniti per la prossima sfida”.

Dinamo Banco di Sardegna 98 – Szolnoki Olaj 94

Parziali: 24-27; 24-29; 19-22;31-16.

Progressivi: 24-27; 48-56; 67-78; 98-94.

Dinamo Banco di Sardegna. Smith 5, Re, Bamforth 25, Petteway 21, Devecchi, Parodi, Magro 4, Pierre, Gentile 2, Thomas 14, Polonara 10, Cooley 17.   All. Vincenzo Esposito

Szolnoki Olaj. Rowsey 17, Airington 14, Andric 5, Murphy 7, Vojvoda 23, Kovacs, Benke 5, Toth 6, Milosevic 17, Csak. All.Dragan Aleksic.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo