Scoperta evasione fiscale per oltre 540 mila euro a Iglesias

Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme Gialle della Tenenza di Iglesias hanno concluso una verifica nei confronti di un’impresa del settore edile operante nel Sulcis - Iglesiente.Nella circostanza, l’azione dei Finanzieri, è stata orientata alla verifica del corretto adempimento delle disposizioni tributarie ai fini dell’I.V.A. e delle imposte dirette.Il target selezionato è stato individuato a seguito di specifica opera di intelligence che ha coniugato le risultanze dell’attività di controllo economico del territorio e l’analisi delle numerose informazioni contenute nelle banche dati del Corpo: e proprio dall’esame dei dati censiti nei database centralizzati, la società in questione presentava alcune anomalie, non risultando aver presentato, per due annualità, la prevista dichiarazione I.V.A. Il controllo operato dai Finanzieri ha inoltre portato a riscontrare che la società in questione non aveva istituito la contabilità obbligatoria: il reale volume d’affari è stato quindi ricostruito sulla scorta delle fatture esaminate durante l’ispezione nonché sul rinvenimento di altra documentazione comprovante attività d’impresa il cui pagamento era avvenuto in nero.

Altre operazioni di compravendita non documentate sono state riscontrate analizzando gli estratti conto della società allorquando la stessa risultava destinataria di bonifici aventi come causale la ristrutturazione di edifici.
Gli elementi raccolti hanno consentito di rilevare che l’impresa ha occultato ricavi e, conseguentemente, sottratto a tassazione complessivamente 543.144 € ed ha omesso di versare l’I.V.A. per un importo pari a 50.495 €.
I Finanzieri hanno altresì riscontrato che l’omesso versamento di contributi previdenziali ed assistenziali per propri dipendenti per 378 €.
Anche quest’ultimo intervento si inserisce nel più ampio ed articolato proscenio di attività puntualmente indirizzate al contrasto dell’evasione fiscale, fenomeno che produce effetti negativi per l’economia, ostacola la normale concorrenza tra imprese, danneggia le risorse economiche dello stato ed accresce il carico fiscale per i cittadini onesti.In quest’ottica, i controlli della Guardia di Finanza proseguiranno con ancora maggiore incisività ed intensità.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo