Dinamo, vittoria schiacciante contro il Falco Vulcano in Fiba Europe Cup

Non si arresta la corsa della Dinamo Banco di Sardegna che centra un'altra vittoria in regular season tra campionato e Fiba Europe Cup. Nel terzo incontro di regular season del gruppo H i sassaresi si impongono senza difficoltà chiudendo all’intervallo 43-31. Nel secondo tempo i biancoverdi dilagano grazie ad una bella prestazione corale con tutti gli uomini a referto: cinque i giocatori in doppia cifra, minuti importanti per Ousmane Diop, Daniele Magro e Luciano Parodi. Top scorer tra le file biancoverdi Achille Polonara (17 pt, 6 rb, 7 as) e Jaime Smith (14 pt, 8 as): bene anche Scott Bamforth (12 pt), Terran Petteway (11 pt, 3 rb). Per la prima volta in doppia cifra anche Diop (12 pt, 7 rb) uscito per cinque falli. Minuti di grande intensità per Rashawn Thomas (9 pt) e Luciano Parodi (8 pt).

La Dinamo inizia con Bamforth, Magro, Pierre, Gentile e Thomas, Falco Vulcano risponde con Reddic, Biro, Varadi, Norfleet e Bruinsma. Il Banco piazza il primo break con Pierre e Gentile: gli ungheresi rompono il ghiaccio con Reddic. Bamforth e Thomas scrivono il +6, ma Bruinsma si carica la squadra magiara sulle spalle e con 12 punti a referto conduce i suoi. Il Falco si riporta a un possesso di distanza, ma Diop ricaccia indietro gli avversari (21-19). Polonara e Petteway aprono la seconda frazione, Szombathely resta a contatto con Reddic. I giganti trovano piazzano un parziale da 9-1 con Smith, Bamforth e Gentile e scrivono il +10. Dopo 20’ il Banco conduce 43-31. Al rientro dall’intervallo lungo i bianocoverdi scappano via condotti da Pierre, Smith e Cooley, che domina sotto le plance. Gli uomini di coach Esposito scrivono il +25, i magiari provano a colmare il gap con Reddic e Bruinsma. Al 30’ il tabellone dice 71-48. Nell’ultimo quarto non cambia l’inerzia del match, ci sono minuti importanti per Ousmane Diop e Luciano Parodi. I sassaresi ritoccano il massimo vantaggio e scrivono il +40. Al PalaSerradimigni finisce 104-69.

Sala stampa. L’assistant coach della Dinamo Banco di Sardegna Giorgio Gerosa commenta così la gara: “E’ stata una partita a salire, siamo partiti un po’ soft per poi arrivare nel secondo tempo con un altro atteggiamento, gestendo più possessi, prendendo più rimbalzi in attacco e alzando l’intensità in difesa, come avevamo pianificato durante la preparazione della gara. Abbiamo anche trovato più fluidità, più agonismo e più voglia di giocare insieme e passarci la palla per costruire situazioni. Ora guardiamo alla gara contro Cremona, una trasferta importante su un campo difficile, alla quale ci prepariamo con l’atteggiamento di voler andare avanti su questa strada e di cercare di consolidare la nostra posizione".

Il play della Dinamo Jaime Smith: “Un’altra bella vittoria, un altro passo verso la giusta direzione. Ho l’impressione che stiamo migliorando gara dopo gara e sono convinto che siamo sulla strada giusta”.

Il coach dello Szombathely Falco Vulcano Gasper Okorn: “Faccio i miei complimenti a Sassari, non c’è tanto altro da dire. Siamo stati brutti, stasera abbiamo giocato forse la nostra peggiore partita dall’inizio della stagione.  La Dinamo è una squadra molto forte ma non penso ci siano realmente 40 punti di distacco di valore tra noi e loro. Torniamo a casa e ci rimettiamo a lavorare cercando di fare al meglio per proseguire”.

L’ala-centro ungherese Norbert Tóth: “Complimenti a Sassari, noi abbiamo sbagliato molti tiri aperti, loro hanno avuto un atteggiamento molto aggressivo, hanno dominato a rimbalzo offensivo e ci hanno impedito di prendere il nostro ritmo”.

Dinamo Banco di Sardegna 104 – Falco Vulcano 69

Parziali: 21-19; 22-12; 28-17; 33-21.

Progressivi: 21-19; 43-31; 71-48; 104-69.

Dinamo Banco di Sardegna. Smith 14, Re, Bamforth 12, Petteway 11, Devecchi 2, Parodi 8, Magro 6, Pierre 5, Gentile 4, Thomas 7, Polonara 17, Diop 12, Cooley 6.   All. Vincenzo Esposito

Falco Vulcano. Reddic 18, Kucsora, Biro 9, Varadi, Curry 2, Hodi, Toth 6, Kormendi, Norfleet 10, Bruinsma 24. All. Gasper Ckom.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo