Solinas: a Sassari i medici della AOU sono figli di un Dio Minore?

Michele Solinas
Michele Solinas
Riceviamo e pubblichiamo l'intervento di Michele Solinas, Coordinatore Provinciale Riformatori Sassari

Non si capisce come sia possibile che ad oggi la politica sassarese non abbia speso una parola in difesa dei dirigenti medici della AOU di Sassari. Come riportato da alcuni organi di stampa “più illuminati”, tra le varie pesanti criticità della categoria a livello nazionale, che incidono, e parecchio, sulla qualità delle prestazioni sanitarie erogate, qui a Sassari si aggiungono gravi ed inveterate inadempienze contrattuali a carico della dirigenza medica di quello che sarebbe identificato dalla stessa Riforma Sanitaria uno dei due centri di riferimento regionale. Proprio in questo fiore all’occhiello del sistema, sede di reparti ad alta specializzazione, che attraverso l’attività di elitrasporto drenano patologie complesse da metà del territorio regionale, lavorano specialisti che vedono buona parte del proprio stipendio non riconosciuto da dieci anni per la mancata certificazione del Fondo Contrattuale. Eh si, sembra proprio un paradosso, una presa  in giro che i diritti contrattuali giustamente riconosciuti anche nell’ultimo degli ospedali periferici demansionati dalla Riforma, non lo sia a Sassari nell’Hub più importante del Nord Sardegna. Eppure parrebbe proprio che lo scorso anno, mentre l’attuale direzione aziendale si apprestava a confermare la somma e gli arretrati dovuti, come stabilito dal metodo di calcolo approvato col Dgr 35/2017, proprio un giorno prima dell’incontro con le sigle sindacali, una nota della direzione dell'assessorato regionale competente, dettava le linee, per la sola AOU di Sassari, secondo cui, andava rivista la definizione del fondo tagliandolo di oltre 5 milioni di euro, coi nefasti effetti sulle retribuzioni stipendiali ed i contributi previdenziali di 10 anni, dicasi 10 anni di attività lavorativa!
È ora che parte della politica chieda alla Regione cosa aspetti a dare una risposta ai medici sassaresi, dopo che le trattative, condotte in tutte le sedi competenti , hanno intrapreso il percorso delle sabbie mobili...forse in attesa di passare testimone e pensieri ad altri a Febbraio?


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Michele Solinas