Sassari Latte Dolce, archiviato il successo sull'Atletico i biancocelesti tornano al lavoro

La vittoria contro l'Sff Atletico è una vittoria che pesa. Pesa perché arrivata contro una grande squadra da ambizioni e obiettivi importanti. Pesa perché, a circa un quarto del percorso stagionale  pur senza l'assillo dei numeri e delle calcolatrici, regala alcune importanti indicazioni. E pesa perché fortemente voluta dal gruppo, a dispetto delle assenze. Niente di definitivo, ma è gusto godere del prezioso successo salvo poi archiviarlo alla ripresa dei lavori sul campo in vista del prossimo impegno. Il Sassari calcio Latte Dolce contro un avversario  quotato come l'Atletico ha offerto una prova di sostanza e di carattere, non si è fatto imbrigliare dal modulo cangiante e fastidioso proposto dalla formazione laziale, che sulla mediana intasava gli spazi e lasciava poco spazio all'inventiva e alla manovra. I biancocelesti però non si sono mai arresi, hanno attaccato con continuità e costanza sino a raggiungere il meritato vantaggio con Gianmarco Marcangeli e il raddoppio con Daniele Bianchi.


Al roccioso difensore Simone Patacchiola, terza stagione in maglia biancoceleste e perfetta integrazione nel gruppo e nel sistema di mister Stefano Udassi, il compito di fare il punto della situazione in casa sassarese post vittoria sull'Sff Atletico con lo sguardo rivolto al prossimo test, la stra isolana contro il sorprendente Lanusei: «È stata una partita maschia, sapevamo di incontrare una squadra molto forte dotata del miglior attacco del girone. Noi siamo stati padroni del campo per quasi tutta la gara, bravi a chiudere tutti gli spazi e a ripartire in maniera equilibrata. I punti di ieri, come ogni punto conquistato del resto, sono fondamentali per noi. Certo attraversiamo un buon periodo di salute, lo abbiamo dimostrato già  ad Avellino, e ieri abbiamo messo sul discorso quel punto esclamativo che ci meritiamo da tempo. Le assenze sono diverse, ma questo gruppo è fatto di uomini che sono pronti a dare il massimo ogni momento, quelli che partono sin dall’inizio e quelli che subentrano in corsa: questa è la nostra forza. La difesa sta funzionando bene, per l'esperienza di alcuni degli elementi e per la qualità dei nostri giovani. Ma se il meccanismo gira non è solo merito dei difensori, ma anche chi  davanti alla difesa sta facendo bene proprio la fase difensiva. Siamo una squadra che ha adottato svariati moduli sino ad ora, questo fa capire che siamo a disposizione del mister sempre e comunque. In questo campionato abbiamo visto che nessuno è imbattile,  ma non bisogna nemmeno sottovalutare chi ha fatto meno punti rispetto agli altri. È un campionato difficile, con 38 partite da giocare sarà dura per tutti e solo chi avrà più fame e voglia riuscirà ad arrivare agli obiettivi prefissati. Noi continuiamo a fare il nostro senza pensare agli altri. La nostra forza è questa gruppo di persone, ottimo mix di giovani ed esperti pronti a battersi uniti contro tutti. Il Lanusei è una squadra in salute che sta facendo cose buone. Noi abbiamo gli strumenti e uomini per affrontare questa gara e prepararla nel miglior modo possibile. Quale l’obbiettivo? Semplice, fare sempre meglio della domenica precedente .Le insidie non mancano, quindi piedi per terra e proviamo a fare ciò che ci riesce meglio: giocarcela a viso aperto».

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo