Le organizzazioni sindacali Cgil Fp - Cisl Fp - Uil Fpl “Difenderemo il Policlinico Sassarese"

"In relazione alla difficile situazione gestionale che sta attraversando la Casa di Cura “Policlinico Sassarese”, incartatasi in questi giorni a seguito del procedimento di revoca dell’accreditamento da parte degli uffici regionali, le scriventi Organizzazioni Sindacali stamattina si sono fiondate negli uffici amministrati della struttura per incontrare i vertici della Casa di Cura.

Dopo un esame approfondito delle complesse ed intricate problematiche di governo della vertenza, che ha come oggetto un piano di salvataggio con l’ingresso di un partner “Habilita”, la doccia fredda giunta di recente con l’attivazione della procedura di revoca dell’accreditamento, potrebbe mettere a rischio la buona riuscita dell’operazione, che da mesi si sta portando avanti a tutela del lavoro e della mission aziendale, nonché a garanzia dei livelli occupazionali.

Come organizzazioni sindacali da sempre, insieme alle lavoratrici e lavoratori, abbiamo cercato in tutti i modi di fare la nostra parte, tradotto condividere con la Casa di Cura un preciso percorso attraverso il quale gettare le basi per un rilancio ed un potenziamento dell’offerta sanitaria, così da garantire continuità delle prestazioni e soprattutto assicurare il mantenimento dei posti di lavoro che contano circa 200 unità.

Da sottolineare altresì il grande senso di responsabilità di tutto il personale che in ragione del predetto percorso, la procedura adottata p.sso il tribunale di Sassari ha causato la sospensione dei pagamenti di circa due mensilità.

Ciò detto, preso atto delle dichiarazioni di stamattina nel corso della riunione con la Direzione e la Presidenza della struttura, non possiamo non alzare il livello di guardia assumendo iniziative sindacali volte a superare in tempi rapidi il clima di forte incertezza.

La vertenza del Policlinico deve necessariamente essere presa in carico dal livello politico locale e regionale, con il contributo delle Organizzazioni Sindacali e di tutti i professionisti che da anni garantiscono e si sostituiscono al sistema sanitario regionale, assicurando prestazioni ospedaliere di alto livello.

A tal riguardo, pur prendendo atto delle dichiarazioni a mezzo stampa da parte dei rappresentanti della politica regionale e locale, tutto questo non ci basta.

Le lavoratrici e lavoratori del Policlinico Sassarese chiedono con perentoria fermezza che si volti pagina, attraverso uno sforzo ed un impegno concreto da parte di tutta la compagine Politica ed Amministrativa che governa la nostra regione.

Per quanto sopra, le Organizzazioni Sindacali scriventi hanno deciso di proclamare lo stato di agitazione delle lavoratrici e lavoratori del Policlinico Sassarese, annunciando fin da ora iniziative di mobilitazione finalizzate a salvaguardare il lavoro e i livelli occupazionali.

La prima iniziativa si svolgerà lunedì 12 novembre dalle ore 10 alle ore 13, p.sso il piazzale antistante l’ingresso della struttura, dove si terrà una assemblea sindacale “aperta” alla quale chiediamo alle SS.LL. di partecipare per sostenere le giuste e sacrosante rivendicazioni oggetto della presente."




© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo